[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


Bollettino IACM del 27 Maggio 2020

USA: I cittadini degli Stati con leggi sulla cannabis ricreativa vedono la legislazione come un successo

In un sondaggio a più di 32.000 cittadini statunitensi è stato chiesto se ritengono che la legislazione sulla cannabis per l'uso da parte degli adulti sia stata più un successo o un fallimento negli Stati che l'hanno legalizzata. In molti stati in cui la cannabis ricreativa è legale, molti cittadini ritengono che queste leggi complessivamente abbiano avuto più successo che fallimento.

Questa è una convinzione particolarmente forte in Colorado, dove i cittadini sono stati tra i primi nel paese a votare a favore della cannabis ricreativa nel 2012. Oggi, circa un quarto (26%) dei coloradiani afferma che le leggi sulla cannabis ricreativa a livello statale sono stati un "successo" e un altro 45 percento afferma di essere stato "più un successo che un fallimento". Meno di uno su cinque (17%) ritiene che le leggi siano state "più un fallimento". Oggi, la cannabis è legale per l'uso non medico negli adulti in 11 stati - Washington, Oregon, Nevada, California, Colorado, Michigan, Illinois, Massachusetts, Maine, Alaska e Vermont - con più stati che stanno considerando di legiferare quest'anno.

YouGov del 13 Maggio 2020

Scienza/Umana: La legalizzazione dell'uso di cannabis negli adulti può ridurre il consumo di oppioidi

I ricercatori della Geisinger Commonwealth School of Medicine di Scranton e dell'Università del New England a Portland, negli Stati Uniti, hanno esaminato l'associazione tra la legalizzazione della cannabis per uso adulto e la distribuzione di oppiacei su prescrizione in Colorado. Utah e Maryland, due stati che non avevano legalizzato la marijuana ricreativa, sono stati selezionati per il confronto.

L'analisi della legalizzazione dell'intervallo pre (2007-2012) rispetto a quella post (2013-2017) ha rivelato riduzioni statisticamente significative per il Colorado e il Maryland, ma non per lo Utah, per gli antidolorifici. In Colorado il 2012-2017 ha registrato una riduzione maggiore (-31,5%) rispetto agli altri Stati (da -14,2% a -23,5%). Il Colorado ha avuto una riduzione significativamente maggiore di codeina e ossimorfone rispetto agli stati di confronto. Gli oppioidi più diffusi tra gli equivalenti di morfina erano ossicodone e metadone.

Kropp Lopez AK, Nichols SD, Chung DY, Kaufman DE, McCall KL, Piper BJ. Prescription Opioid Distribution after the Legalization of Recreational Marijuana in Colorado. Int J Environ Res Public Health. 2020;17(9).

Scienza/Umana: L'uso di cannabis da parte degli utenti regolari può avere solo effetti minimi sulla cognizione

In uno studio controllato con placebo su 91 giovani adulti sani, che hanno ricevuto cannabis con una concentrazione di THC del 12,5% o una cannabis placebo, ricercatori canadesi dell'Università di Toronto e del Center for Addiction and Mental Health di Toronto hanno studiato gli effetti sull'umore e sulla cognizione . Ai partecipanti è stato permesso di usare tutta la cannabis che desideravano. Sulla base delle concentrazioni di THC nel sangue, i consumatori di cannabis erano divisi in gruppi di THC alto e basso.

Un'ora dopo aver fumato cannabis, rispetto al Placebo, sia nei gruppi alto e basso THC, ci sono stati aumenti dell'umore positivo, e solo nel gruppo alto THC aumenti di confusione, cordialità ed euforia e una riduzione della fatica. Gli aumenti di cordialità ed euforia nel gruppo ad alto THC sono rimasti significativi per 24 ore. L'unico effetto acuto significativo della cannabis sulla cognizione era una diminuzione della percentuale di parole ricordate in un test specifico nel gruppo ad alto THC rispetto al placebo. Gli autori hanno concluso che l'uso di cannabis da parte degli utenti regolari può avere solo "effetti minimi sulla cognizione e nessuna evidenza di danno cognitivo residuo".

Matheson J, Mann RE, Sproule B, Huestis MA, Wickens CM, Stoduto G, George TP, Rehm J, Le Foll B, Brands B. Acute and residual mood and cognitive performance of young adults following smoked cannabis. Pharmacol Biochem Behav. 2020;194:172937.

Notizie in breve

Scienza/Umana: Crema al CBD è risultata efficace in 2 casi di mal di schiena
I medici di Portsmouth Anesthesia Associates in Virginia, negli Stati Uniti, hanno presentato due casi di pazienti con mal di schiena, uno con frattura da compressione lombare e uno con disagio toracico e disestesia secondaria a meningioma resecato chirurgicamente, che hanno trovato sollievo utilizzando una crema al CBD. La crema conteneva 400 mg di CBD per 2 once (circa 57 g), che è circa l'1,4% di CBD nella crema. Gli autori hanno scritto che "il CBD derivato dalla canapa in una crema transdermica ha fornito un significativo sintomo e sollievo dal dolore per i pazienti descritti in questa serie di casi".
Eskander JP, et al. J Opioid Manag. 2020;16(3):215-218.

Scienza/Umana: Anche alte dosi di CBD sono sicure nell'uomo
Una nuova preparazione di CBD è stata somministrata a 24 volontari sani in dosi fino a 20 mg per chilogrammo di peso corporeo rispetto a 5 mg / kg, 10 mg / kg di peso corporeo e placebo. Gli autori hanno osservato che “il CBD è stato ben tollerato nei volontari sani (età media: 24 anni) trattati con una singola dose orale di CBD. Non ci sono stati problemi di sicurezza con l'aumento della dose e i profili di sicurezza dei soggetti trattati con CBD e trattati con placebo erano simili. " Hanno concluso che "questa nuova formulazione di CBD ha dimostrato un profilo favorevole di sicurezza e tollerabilità nei volontari sani, coerente con i profili riportati per altri prodotti purificati di CBD".
Department of Health and Human Services, Office of Medicinal Cannabis, Melbourne, Australia.
Perkins D et al. EUR J Drug Metab Pharmacokinet. 2020 May 14. [in stampa]

Albania: Il governo prevede di legalizzare l'uso medico della cannabis
Il primo ministro albanese Edi Rama ha annunciato il 19 maggio che il governo sta preparando un progetto di legge che legalizzerebbe la coltivazione della cannabis a scopi medicinali. Durante una conferenza congiunta con l'ambasciatore dell'UE Luigi Soreca, Rama ha affermato che il governo ha lavorato con consulenti locali e stranieri per un anno e che il progetto di legge sarebbe stato presto reso pubblico. Ha anche sottolineato l'importanza di imparare dalle esperienze di altri paesi con la marijuana medica.
Exit.al del 9 Maggio 2020

Scienza/Umana: Nessun effetto rilevante sui bambini, le cui madri hanno usato cannabis durante la gravidanza
Una revisione ha analizzato studi longitudinali che esaminavano l'impatto dell'esposizione prenatale alla cannabis su più domini del funzionamento cognitivo in soggetti di età compresa tra 0 e 22 anni. Un esame del numero totale di confronti statistici (n = 1.001) ha rivelato differenze minori. Gli autori hanno riassunto che "il significato clinico di questi risultati sembra essere limitato perché i punteggi delle prestazioni cognitive dei gruppi esposti alla cannabis sono stati in gran parte rientranti nella gamma normale rispetto ai dati normativi adeguati per età ed educazione". Hanno concluso che "le prove attuali non suggeriscono che l'esposizione alla cannabis prenatale da sola sia associata a deficit cognitivi clinicamente significativi del funzionamento".
School of Social Work, Columbia University, New York, USA.
Torres CA, et al. Front. Psychol. 2020 May 8. [in stampa]

Europa: La EURopean Industrial Hemp Association presenta domanda di nuovi prodotti alimentari per estratti contenenti CBD
Un consorzio guidato dall'Associazione EURopea della canapa industriale (EIHA) ricorrerà contro l'attuale processo di approvazione da parte dell'UE, in base alla sicurezza alimentare, per gli alimenti e gli estratti di canapa, continuando a contestare tali norme. Le parti interessate nel consorzio, che è organizzato come società a responsabilità limitata, non sono d'accordo con le modifiche apportate nel gennaio 2019 al catalogo dell'UE sui nuovi prodotti alimentari che riclassificano foglie e fiori di canapa, nonché estratti derivati da tali parti di piante - tra cui CBD - come Novel Foods, rendendo illegale commercializzarli nell'UE.
Hemp Today del 5 Maggio 2020

Scienza/Canada: Sono in corso studi sul potenziale della cannabis nel ridurre l'infezione da coronavirus
Il ricercatore dell'Università di Lethbridge Igor Kovalchuk sta conducendo uno studio sulla cannabis medica come potenziale terapia per COVID-19. Lo scienziato ha sottolineato che i risultati non porterebbero a un vaccino - qualcosa di "meno specifico e preciso", ma nondimeno un'altra possibile arma contro la COVID-19. Gli estratti stanno mostrando potenziale nel rendere le persone più resistenti al nuovo coronavirus. Ci sono primi risultati, che suggeriscono che alcuni ceppi di cannabis possono ridurre il numero di recettori necessari per l'infezione da virus fino al 73%, riducendo il rischio di infezione.
Calgary Sun del 6 Maggio 2020

Israele: Il governo approva le esportazioni di cannabis per uso medico
Il 13 maggio Israele ha dato l'approvazione per le esportazioni di cannabis terapeutica, aprendo la strada alle vendite all'estero dalle quali il governo prevede di produrre entrate per centinaia di milioni di dollari. "Questo è un passo significativo per gli esportatori e l'industria israeliana, che consentirà sia l'espansione delle opportunità di esportazione sia l'aumento dell'occupazione ... sul campo", ha affermato il ministro dell'Economia Eli Cohen.
Reuters del 13 Maggio 2020

Scienza/Animale: L'estratto di pianta di canapa intera ha ridotto il dolore neuropatico nei topi
In un modello murino di dolore neuropatico, l'olio di canapa estratto "a spettro completo" è stato efficace nel ridurre la sensibilità al dolore. Sei animali sono stati esposti a 5 microlitri di olio di canapa estratto di pianta intera combinato con un veicolo di burro di arachidi. Tre animali hanno ricevuto solo il burro di arachidi. Il dolore meccanico è stato ridotto entro un'ora dopo la somministrazione dell'estratto ed è rimasto ridotto in modo significativo per 6 ore.
Dipartimento di Psicologia, Università del New Mexico, Albuquerque, USA.
Jacob M et al. Life 2020;10(5):69

Scienza/Umana: 19 anni potrebbe essere l'età minima legale per l'uso di cannabis, suggerisce l'esperienza canadese
I ricercatori hanno studiato la scelta dell'età minima legale (MLA) per la cannabis. Hanno usato i sondaggi canadesi per confrontare il livello di istruzione, il fumo di sigaretta, la salute generale e mentale auto-riferita associata alle diverse età del primo consumo di cannabis. Hanno concluso che il loro "studio ha indicato che esiste una indicazione nel fissare 19 anni come MLA per la cannabis non medica".
School of Pharmacy, Memorial University of Newfoundland, St. John's, Canada.
Nguyen HV, et al. BMC Public Health. 2020;20(1):557

Scienza/Animale: Il CBD può ridurre gli effetti dannosi sulla mucosa da parte di un agente chemioterapico
In uno studio con topi, che ha ricevuto l'agente chemioterapico 5-fluorouracile (5-F U) il CBD somministrato in diverse dosi ha ridotto la risposta infiammatoria dell'agente tossico sulla mucosa che porta alla mucosite. Hanno concluso dalle loro ricerche che "il CBD sembra esercitare un'attività antinfiammatoria e antiossidante favorendo una risoluzione più rapida della mucosite orale in questo modello animale".
Docente di medicina orale, Università di Paranaense, Francisco Beltrão, Brasile.
de Freitas Cuba L, et al. Oral Dis. 2020 May 13. [in stampa]

Scienza/Uruguay: Nessun effetto della legalizzazione della cannabis sull'uso di cannabis da parte degli adolescenti
I ricercatori hanno confrontato l'uso di cannabis auto-riferito prima e dopo la legalizzazione della cannabis in Uruguay. Non hanno trovato "prove di un impatto sull'uso di cannabis o sul rischio percepito di utilizzo". Hanno concluso che i loro "risultati forniscono un supporto per la tesi secondo cui l'approccio regolatorio statale dell'Uruguay alla fornitura di cannabis potrebbe minimizzare l'impatto della legalizzazione sull'uso di cannabis da parte degli adolescenti “.
Dipartimento di medicina d'emergenza, UC Davis School of Medicine, USA.
Laqueur H, et al. Int J Drug Policy. 2020;80:102748.

Scienza/Animale: Il THCV può essere utile nella discinesia indotta da L-DOPA nella malattia di Parkinson
In un modello murino di discinesia indotta da L-DOPA nella malattia di Parkinson, il THCV, cannabinoide naturale, ha ridotto i sintomi. Gli autori hanno scritto che i loro dati "supportano il potenziale anti-discinetico di Δ9-THCV, sia per ritardare il verificarsi sia per attenuare l'entità dei segni discinetici".
Instituto Cajal-CSIC, Madrid, Spagna.
Espadas I, et al. Neurobiol Dis. 2020;141:104892.

Scienza/Cellule: L'attivazione del recettore CB2 provoca effetti anti-infiammatori in alcuni globuli bianchi della fibrosi cistica
I ricercatori hanno utilizzato macrofagi, alcuni globuli bianchi, di pazienti con fibrosi cistica per studiare gli effetti del Lenabasum, un cannabinoide sintetico, che attiva il recettore CB2. I cannabinoidi hanno ridotto la secrezione di citochine proinfiammatorie interleuchina-8 e necrosi tumorale-alfa (TNF-alfa). C'è stato anche un miglioramento dell'attività fagocitica. Gli autori hanno concluso che il Lenabasum dovrebbe avere effetti "in vitro in un modo che ridurrebbe l'infiammazione in vivo".
Child Health Research Center (CHRC), Università del Queensland, Brisbane, Australia.
Tarique AA, et al. J Cyst Fibros. 2020 May 6 [in stampa]

Scienza/Animale: Il THC riduce la risposta infiammatoria e il danno d'organo dopo l'infezione
Topi che sono stati trattati con una tossina che causa infiammazione, hanno ricevuto THC per studiare il suo effetto sull'infiammazione e sul danno d'organo. La somministrazione di THC "ha drasticamente" aumentato la concentrazione di citochine interleuchine-10 antinfiammatorie, riducendo al contempo le concentrazioni di interleuchina-6 pro-infiammatorie e CCL-2, che ha attenuato l'infiammazione e le lesioni agli organi. Gli autori hanno concluso che i loro "risultati indicano che Δ9-THC induce potentemente IL-10, riducendo al contempo le citochine proinfiammatorie, le chemochine e la lesione d'organo correlata nei topi endotossemici mediante l'attivazione del CB1R."
Dipartimento di Anestesia e Cure perioperatorie, Università della California, San Francisco School of Medicine, USA.
Joffre J, et al. J Immunol. 2020 May 8. [in stampa]

Scienza/Cellule: Il CBD riduce le reazioni infiammatorie nei macrofagi
Le indagini sugli effetti del CBD sul cosiddetto infiammatosoma NLRP3 nei macrofagi hanno dimostrato che gli effetti anti-infiammatori del CBD erano simili a quelli dei noti inibitori dell'infiammososoma NLRP3 e riguardavano il recettore P2X7. Gli autori hanno concluso che "Gli effetti inibitori del CBD sull'inflammasoma NLRP3 possono contribuire agli effetti anti-infiammatori complessivi riportati per questo fitocannabinoide."
College of Pharmacy, University of Rhode Island, Kingston, USA.
Liu C, et al. J Nat Prod. 2020 May 6. [in stampa]

Scienza/Animale: Un nuovo metodo di somministrazione della cannabis con rilascio prolungato di 14 giorni
Una nuova preparazione di un estratto di cannabis a spettro completo ricco di CBD è stata iniettata per via sottocutanea nei topi e ha provocato un rilascio prolungato di cannabinoidi per un periodo di 2 settimane. I ricercatori hanno usato un modello murino di epilessia. Gli autori hanno osservato che i microdepot hanno ridotto le convulsioni e aumentato il tasso di sopravvivenza. Hanno concluso che questi risultati "suggeriscono che un sistema di erogazione di cannabis a spettro completo a lungo termine possa fornire una nuova forma di somministrazione e trattamenti di cannabis".
Shenkar College of Engineering, Design and Art, Israele.
Uziel A, et al ACS Appl Mater Interfaces. 2020 May 15. [in stampa]

Scienza/Animale: Un trattamento con CBD migliora i deficit comportamentali associati al diabete di tipo 1
In uno studio con ratti diabetici sono stati studiati gli effetti di diverse dosi su depressione e ansia. Il CBD ha ridotto il comportamento simile all'ansia e alla depressione e dosi elevate "hanno anche indotto un aumento significativo dell'aumento di peso e dei livelli di insulina (e di conseguenza una riduzione della glicemia)". Gli autori hanno concluso che questo "approccio ha dimostrato che il CBD può essere utile nel trattamento delle comorbidità psichiatriche nei pazienti diabetici".
Dipartimento di Farmacologia, Settore di Scienze Biologiche, Università Federale di Paraná, Brasile.
Department of Pharmacology, Biological Science Sector, Federal University of Paraná, Brazil.
Chaves YC, et al. Neurosci Lett. 2020;729:135020.

Scienza: Ricercatori descrivono i potenziali effetti dei cannabinoidi sull'angoscia respiratoria indotta dalla SARS-CoV2
In una rivista scientifica i ricercatori intendevano "evidenziare i potenziali effetti dei cannabinoidi, in particolare il cannabidiolo non psicotropico (CBD), che ha mostrato effetti antinfiammatori benefici nei modelli preclinici di varie malattie infiammatorie croniche".
University of Nebraska Medical Center, Omaha, USA.
Byrareddy SN, et al. Brain Behav Immun. 2020 Apr 28. [in stampa]

Scienza/Umana: La cannabis non solo riduce la spasticità nella sclerosi multipla, ma migliora anche altri sintomi
Secondo i dati di 1432 pazienti con sclerosi multipla, che hanno ricevuto l'estratto di cannabis Sativex, il 43,8% ha mostrato un miglioramento di almeno un altro sintomo oltre la spasticità. Gli autori hanno concluso che lo studio "ha confermato che il beneficio terapeutico dei cannabinoidi può estendersi oltre la spasticità, migliorando i sintomi correlati alla spasticità".
Dipartimento "G.F. Ingrassia", sezione di Neuroscienze, Università di Catania, Catania, Italia.
Patti F, et al. Neurol Sci. 2020 Apr 25. [in stampa]

Un anno fa / 2 anni fa

Un anno fa

2 anni fa

[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


up

Webinar 2020

Nell'ottobre 2020 l'IACM organizza una serie di webinar. Tra i relatori ci sono Roger Pertwee, Raphael Mechulam, Manuel Guzman, Ethan Russo e Kirsten Müller-Vahl. Dopo i webinar ci saranno sottotitoli per diverse lingue. L'accesso è gratuito per gli utenti abituali dell'IACM. Qui trovate l'opuscolo per gli sponsor. Qui trovate informazioni sulle tariffe di registrazione e un link per la registrazione.

Conferenza IACM 2020

L'IACM terrà la sua 11° Conferenza sui cannabinoidi in medicina in collaborazione con l'Asociación Mexicana de Medicina Cannabinodie dal 5 al 7 novembre 2020 a Città del Messico. Sarà un congresso virtuale. Qui trovate informazioni sulle tariffe di registrazione e un link per la registrazione.

Conferenza IACM 2021

La dodicesima conferenza IACM sui cannabinoidi in medicina si terrà a Basilea, in Svizzera, dal 14 al 16 ottobre 2021.

Members only

Regular members can sign up for the new member area of the IACM to access exclusive content.

You need to become a regular member of the IACM to access the new member area.

IACM on Twitter

Follow us on twitter @IACM_Bulletin where you can send us inquiries and receive updates on research studies and news articles.