[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


Bollettino IACM del 19 Dicembre 2020

ONU: l'agenzia delle Nazioni Unite per la droga allenta il controllo sulla cannabis seguendo i consigli dell'OMS

Il 2 dicembre gli stati membri dell'agenzia antidroga dell'ONU hanno votato per l'eliminazione della cannabis dalla categoria di stupefacenti più strettamente controllata, seguendo la raccomandazione dell'Organizzazione Mondiale della Sanità di rendere più facile la ricerca sul suo uso medico.

La Commissione annuale sugli stupefacenti, l'organo di governo dell'Ufficio delle Nazioni Unite sugli stupefacenti e il crimine, ha votato 27-25 con un'astensione per rimuovere la cannabis e la resina di cannabis dall'Allegato IV della Convenzione unica sugli stupefacenti del 1961, un testo globale che regola i controlli sulle droghe, ha detto una dichiarazione delle Nazioni Unite. Il voto ha seguito una raccomandazione dell'OMS del 2019 secondo cui "la cannabis e la resina di cannabis dovrebbero essere programmate a un livello di controllo che prevenga i danni causati dall'uso di cannabis e allo stesso tempo non agisca come una barriera all'accesso e alla ricerca e sviluppo di preparati a base di cannabis per uso medico". Altri farmaci della Tabella IV includono eroina, analoghi del fentanil e altri oppiacei che sono pericolosi e spesso mortali. La cannabis, invece, non comporta alcun rischio significativo di morte e ha dimostrato di avere un potenziale nel trattamento del dolore e di condizioni come l'epilessia, secondo l'OMS.

Reuters del 2 dicembre 2020
FAAAT Comunicato stampa del 2 dicembre 2020
Statement: Support patient access to medicine, vote yes!
Statement: Towards science-based scheduling of cannabis sativa and other controlled herbal medicines

Scienza/Umana: Secondo un sondaggio, la maggior parte dei sopravvissuti al cancro ha usato la cannabis per il trattamento del dolore e per migliorare il sonno

Secondo un sondaggio condotto tra 190 sopravvissuti al cancro israeliani, la cannabis è stata usata principalmente per il trattamento del dolore, dei disturbi del sonno e dell'ansia. Questa ricerca è stata condotta da ricercatori dell'Università Ben Gurion del Negev e del Centro per il cancro del Sheba Medical Center, Israele.

La dose media mensile di cannabis consumata era di 42 grammi. Il 96% degli intervistati ha riferito di non consumare cannabis regolarmente prima della diagnosi di cancro. Il modo più comune di assunzione è stato il fumo, e la maggior parte dei partecipanti ha riferito di aver assunto cannabis durante il giorno. I sintomi più comuni per i quali i partecipanti hanno assunto cannabis medica sono stati dolore (89%), disturbi del sonno (76%) e ansia (42%). Venti pazienti hanno riferito di avere lievi effetti collaterali.

Zolotov Y, Eshet L, Morag O. Preliminary assessment of medical cannabis consumption by cancer survivors. Complement Ther Med. 2020;56:102592.

Scienza/Umana: L'uso di cannabis ha effetti benefici tra i pazienti affetti da cancro palliativo secondo un'indagine

Secondo un sondaggio condotto su 108 pazienti oncologici, diversi ceppi di cannabis con diverse concentrazioni di THC e CBD hanno ridotto diversi sintomi, tra cui dolore, angoscia e sonno. Lo studio è stato condotto da ricercatori di diverse istituzioni israeliane a Haifa, Nahariya e Afula. I partecipanti hanno usato trattamenti a dominanza di THC (n = 57%), a dominanza di CBD (n = 19%), e trattamenti misti (n = 33%).

La maggior parte dei parametri è migliorata significativamente entro un mese dall'uso di cannabis, compresi l'intensità del dolore, il dolore affettivo e sensoriale, la qualità e la durata del sonno, il disagio per il cancro e il carico di sintomi sia fisici che psicologici. In generale, non ci sono state differenze tra i tre trattamenti a base di cannabis per quanto riguarda l'intensità del dolore e la maggior parte degli esiti secondari. I trattamenti con dominanza di THC hanno mostrato una significativa superiorità nel loro effetto benefico solo nella durata del sonno rispetto ai trattamenti con dominanza di CBD. Gli autori hanno notato che "gli assistenti dovrebbero anche considerare i prodotti a dominanza di CBD come un trattamento utile per i sintomi correlati al cancro.

Aviram J, Lewitus GM, Vysotski Y, Uribayev A, Procaccia S, Cohen I, Leibovici A, Abo-Amna M, Akria L, Goncharov D, Mativ N, Kauffman A, Shai A, Hazan O, Bar-Sela G, Meiri D. Short-Term Medical Cannabis Treatment Regimens Produced Beneficial Effects among Palliative Cancer Patients. Pharmaceuticals (Basel). 2020;13(12):E435.

Scienza/Umana: Secondo un sondaggio, la cannabis può migliorare il dolore pelvico cronico nelle donne

Mentre gli effetti collaterali sono comuni auto-trattamento con la cannabis può migliorare i sintomi del dolore pelvico cronico. Questo è il risultato di un sondaggio anonimo e riservato condotto dagli scienziati della Mayo Clinic di Jacksonville e Rochester, USA, che includeva donne con dolore pelvico e perineale, dispareunia o endometriosi.

In totale sono state contattate 240 pazienti, con 113 risposte (47% di risposte). Ci sono stati 26 pazienti che hanno usato cannabis (23%). La maggioranza ha usato almeno una volta alla settimana (72%). La maggior parte dei consumatori (96%) ha riferito un miglioramento dei sintomi, inclusi dolore, crampi, spasmi muscolari, ansia, depressione, disturbi del sonno, libido e irritabilità. Gli effetti collaterali, tra cui secchezza delle fauci, sonnolenza e sensazione di "sballo", sono stati riportati dall'84%.

Carrubba AR, Ebbert JO, Spaulding AC, DeStephano D, DeStephano CC. Use of Cannabis for Self-Management of Chronic Pelvic Pain. J Womens Health (Larchmt). 2020 Nov 16. [in stampa]

Scienza/Umana: Secondo le interviste, gli adulti anziani trovano la cannabis utile nel trattamento di diverse patologie croniche

Secondo le interviste a 10 adulti di 64 anni o più da parte di due scienziati del College of Graduate and Studies/Center for Gerontology della Concordia University-Chicago in River Forest, USA, la cannabis può essere utile nella gestione delle malattie croniche. I ricercatori si sono affidati a un'indagine qualitativa sotto forma di interviste semi-strutturate, uno contro uno.

I loro risultati suggeriscono che gli adulti più anziani sono aperti alla cannabis medica come alternativa ai farmaci, speranzosi per quanto riguarda la gestione dei sintomi e del dolore, e consapevoli e astuti nel gestire le questioni relative alla stigmatizzazione sia da parte dei loro medici che della famiglia e degli amici. Inoltre, gli adulti più anziani descrivono le frustrazioni con l'educazione, la consapevolezza e la mancanza di sostegno con il dosaggio.

Manning L, Bouchard L. Medical Cannabis Use: Exploring the Perceptions and Experiences of Older Adults with Chronic Conditions. Clin Gerontol. 2020:1-10.

Scienza/Umana: Secondo un sondaggio, la cannabis può essere più efficace nel trattamento dell'emicrania rispetto ai farmaci standard

In un sondaggio online con 161 pazienti che soffrivano di emicrania la cannabis è stata trovata efficace per il sollievo dei sintomi. Lo studio è stato condotto da ricercatori dell'Università del Colorado a Boulder, USA. I partecipanti erano 589 consumatori adulti di cannabis che vivono in stati con pieno accesso legale, di cui 161 hanno riferito di soffrire di emicrania.

Di questi partecipanti con emicrania il 76% ha approvato l'uso di cannabis per il trattamento dell'emicrania. Il 70% di loro ha anche usato prodotti non cannabici (antidolorifici da banco, triptani e altri) per trattare l'emicrania. Sebbene la loro salute soggettiva fosse simile, gli emicranici che hanno usato la cannabis per trattare l'emicrania hanno riportato più emicranie rispetto a quelli che non l'hanno fatto. Gli emicranici hanno riportato un sollievo dall'emicrania significativamente maggiore dalla cannabis rispetto ai prodotti non cannabici, anche dopo aver controllato la gravità dell'emicrania.

Gibson LP, Hitchcock LN, Bryan AD, Bidwell LC. Experience of Migraine, its Severity, and Perceived Efficacy of Treatments among Cannabis Users. Complement Ther Med. 2020:102619.

Scienza/Umana: le prestazioni di guida compromesse dopo l'inalazione di THC non sono più rilevabili dopo 4 ore, mentre il CBD non compromette le prestazioni di guida secondo i test su strada

In uno studio clinico con 26 consumatori occasionali sani di cannabis il THC ha causato danni a 40 e 100 minuti dopo il consumo, ma non più dopo 4 e 5 ore. Il CBD non ha causato alcun effetto. I partecipanti hanno inalato THC-dominante, CBD-dominante, THC/CBD-equivalente, e cannabis placebo da un vaporizzatore, che hanno tutti completato 8 test di guida su strada. Le dosi di THC e CBD erano di 13.75 mg. Il punto finale primario era SDLP (deviazione standard della posizione laterale, che è una misura della tessitura della corsia). Lo studio è stato condotto dai ricercatori della Lambert Initiative for Cannabinoid Therapeutics presso l'Università di Sydney, Australia, Sydney e altre istituzioni australiane e olandesi.

L'indebolimento misurato dal SDLP in seguito alla vaporizzazione della dominante THC e della cannabis equivalente al THC/CBD rispetto al placebo è stato significativamente maggiore a 40-100 minuti, ma non a 240-300 minuti. Non ci sono state differenze significative fra la cannabis a dominanza di CBD e il placebo. Gli autori hanno notato che "la dimensione dell'effetto per la cannabis dominante CBD potrebbe non aver escluso un danno clinicamente importante, e le dosi testate potrebbero non rappresentare un uso comune".

Arkell TR, Vinckenbosch F, Kevin RC, Theunissen EL, McGregor IS, Ramaekers JG. Effect of Cannabidiol and Δ9-Tetrahydrocannabinol on Driving Performance: A Randomized Clinical Trial. JAMA. 2020;324(21):2177-2186.

Scienza/Umana: Le percezioni di genitori e pazienti sulla cannabis medica nel contesto del cancro infantile secondo le interviste

Quindici genitori e i loro figli malati di cancro sono stati intervistati presso la Sezione di Ematologia e Oncologia Pediatrica del Dipartimento di Pediatria della Yale School of Medicine di New Haven, USA. Gli investigatori hanno esaminato i loro atteggiamenti, le loro convinzioni e le loro esperienze riguardo all'uso medico della cannabis. Le interviste sono state audioregistrate, trascritte e codificate usando approcci di codifica sia descrittivi che induttivi.

I partecipanti hanno sostenuto più spesso l'uso della cannabis per alleviare la nausea, l'anoressia e il dolore. Contemporaneamente, i partecipanti hanno identificato le preoccupazioni sulla cannabis, compresi i potenziali effetti fisiologici e psicologici sui bambini e la mancanza di ricerca. Tuttavia, le preoccupazioni sono state spesso ridotte al minimo, in relazione alla chemioterapia o ai farmaci di supporto con profili di effetti collaterali maggiori percepiti. Pochi partecipanti hanno discusso dell'uso di cannabis con il loro oncologo, cercando invece una guida su internet, in famiglia o tra pari.

Ananth P, Revette A, Reed-Weston A, Das P, Wolfe J. Parent and patient perceptions of medical marijuana in the childhood cancer context. Pediatr Blood Cancer. 2020:e28830.

Unione EURopea: La CBD non è un narcotico, la più alta corte dell'Unione EURopea ha deciso

Il CBD (cannabidiolo) non è una droga stupefacente perché "non sembra avere alcun effetto psicotropo o alcun effetto nocivo per la salute umana", ha dichiarato la più alta corte dell'UE. La decisione della Corte di giustizia dell'Unione EURopea infligge un duro colpo agli sforzi di alcuni paesi dell'UE per limitare la vendita di CBD, dando al contempo una spinta all'industria della CBD. Molti prodotti sono attualmente venduti nell'UE in una zona grigia legale.

La corte ha stabilito che il divieto francese di commercializzazione dei prodotti CBD derivati dalla canapa è in contraddizione con la legge dell'UE sulla libera circolazione delle merci. "Il tribunale nazionale deve valutare i dati scientifici disponibili per assicurarsi che il presunto rischio reale per la salute pubblica non sembri basarsi su considerazioni puramente ipotetiche", ha scritto la corte. "La decisione di vietare la commercializzazione della CBD, che in effetti costituisce l'ostacolo più restrittivo al commercio di prodotti legalmente fabbricati e commercializzati in altri Stati membri [dell'UE], può essere adottata solo se tale rischio appare sufficientemente accertato".

The Guardian del 19 novembre 2020

Notizie in breve

USA: la Camera dei Rappresentanti vota per depenalizzare la cannabis a livello federale
La Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti ha votato a favore dell'emendamento 4. Dezember per depenalizzare la marijuana a livello federale, ma la legislazione non dovrebbe avanzare ulteriormente finché il Senato rimarrà in mano ai repubblicani. È stata la prima volta che una delle due camere del Congresso ha votato per porre fine al divieto federale sulla marijuana da quando la droga è stata elencata come "sostanza controllata" nel 1970.
Reuters del 4 dicembre 2020

Thailandia: Il paese elimina le piante di cannabis dalla lista dei narcotici
Il Narcotics Control Board of Thailand ha deciso di eliminare le piante di cannabis dalla lista dei narcotici, categoria 5, per consentire un uso più ampio a scopo medicinale. La rimozione serve a spianare la strada a un maggiore accesso all'uso della cannabis per scopi medici, oltre che nell'industria tessile, cosmetica e farmaceutica. Le piante di canapa saranno promosse come nuove colture da reddito. Tuttavia, inizialmente solo le agenzie governative e le imprese comunitarie che lavorano con le agenzie governative possono coltivare cannabis e devono chiedere il permesso a un'agenzia governativa.
The Malaysian Reserve del 26 novembre 2020

Messico: Il Senato approva la legge sulla legalizzazione della cannabis
Il 20 novembre il Senato del Messico ha approvato un disegno di legge sulla legalizzazione della cannabis con una votazione franosa, aprendo la strada alla creazione del più grande mercato legale della cannabis al mondo, se l'iniziativa passerà il prossimo ostacolo nella camera bassa del Congresso. I senatori hanno votato 82 a 18 per approvare il provvedimento, con sette astensioni.
Reuters del 20 novembre 2020

Israele: Il numero di pazienti di cannabis dovrebbe raggiungere più di 80.000 nel 2021
Il numero di pazienti di cannabis in Israele è aumentato di un ulteriore 3,8% nell'ottobre 2020 e si prevede che supererà gli 80.000 verso il 2021. In totale, i pazienti hanno diritto a 2,68 tonnellate di cannabis al mese, di cui 40.000 per il dolore cronico e la maggior parte in 20 grammi al mese.
Cannabis del 23 novembre 2020

Uzbekistan: Produzione di cannabis per scopi medicinali consentita nel paese
Un'azienda con sede a Malta sarà autorizzata a coltivare e produrre cannabis medica in Uzbekistan, ha riferito l'agenzia di stampa statale UzA il 29 novembre, nel primo accordo di questo tipo per il paese dell'Asia centrale. La regione ha una lunga storia di coltivazione di cannabis, ma la droga è proibita, nonostante le regolari richieste di legalizzazione.
Reuters del 29 novembre 2020

Malawi: Il paese vuole iniziare la produzione commerciale di cannabis

Il Malawi è pronto ad avviare la produzione commerciale e la lavorazione della cannabis per uso medicinale e industriale, ha detto il 24 novembre la nuova Autorità di regolamentazione della cannabis del paese dell'Africa del sud. Il parlamento del Malawi ha approvato una legge a febbraio che rende legale la coltivazione e la lavorazione della cannabis per medicinali e fibre di canapa usate nell'industria, ma si ferma a corto di depenalizzare l'uso ricreativo.
Reuters del 24 novembre 2020

Scienza/Umana: Raccomandazioni per l'uso della cannabis negli oppiacei affusolati per il dolore cronico
Un certo numero di scienziati ha sviluppato raccomandazioni per l'uso dei cannabinoidi negli oppiacei affusolati per il controllo del dolore cronico. Essi hanno suggerito che "nei pazienti con dolore cronico che assumono oppioidi senza raggiungere gli obiettivi del trattamento, c'era consenso sul fatto che i cannabinoidi possono essere presi in considerazione per i pazienti che sperimentano o mostrano complicazioni legate agli oppioidi, nonostante gli interventi psicologici o fisici. Si è osservato un consenso a iniziare con un estratto orale predominante di cannabidiolo (CBD) di giorno e a considerare l'aggiunta di tetraidrocannabinolo (THC). Quando si aggiunge il THC, iniziare con 0.5-3 mg, e aumentare di 1-2 mg una o due volte alla settimana fino a 30-40 mg/giorno. Iniziare l'assottigliamento degli oppioidi quando il paziente riferisce un miglioramento minore o maggiore della funzione, cerca meno farmaci per controllare il dolore e/o la dose di cannabis è stata ottimizzata".
Università della British Columbia, Facoltà di Scienze Farmaceutiche, Vancouver, Canada.
Sihota A, et al. Int J Clin Pract. 2020:e13871.

Scienza/Umana: La cannabis può essere utile nel trattamento del cancro nelle donne
In un'indagine su 31 donne che soffrono di tumori ginecologici, l'83% ha riferito che la cannabis ha dato sollievo dai sintomi correlati al trattamento del cancro, tra cui la perdita di appetito, l'insonnia, diverse forme di dolore, ansia, nausea. L'80% ha riferito che la cannabis funziona in modo simile o migliore dei farmaci standard.
Dipartimento di Ostetricia, Ginecologia e Scienze della Riproduzione, Yale New Haven Hospital, USA.
Webster EM, et al. Gynecol Oncol Rep. 2020;34:100667.

Scienza/Cellule: La CBD migliora gli effetti dei farmaci antitumorali nelle cellule tumorali della testa e del collo umane
Il CBD era tossico per il carcinoma squamocellulare della testa e del collo e "ha migliorato l'efficacia dei farmaci chemioterapici". L'apoptosi e i processi autofagici erano coinvolti nella citotossicità indotta dal CBD".
Dipartimento di Otorinolaringoiatria - Chirurgia della testa e del collo, Korea University Guro Hospital, Corea del Sud.
Go YY, et al. Sci Rep. 2020;10(1):20622.

Scienza/Cellule: Il bisfenolo A squilibra il sistema endocannabinoide nelle cellule rilevanti per la produzione di spermatozoi
Il bisfenolo A può essere presente nella plastica e può influire negativamente sulla produzione di sperma. I ricercatori hanno scoperto che il bisfenolo A è citotossico per le cellule di Sertoli, che svolgono un ruolo importante nella produzione di sperma, squilibrando il loro sistema endocannabinoide.
Dipartimento di Scienze della Vita, della Salute e dell'Ambiente, Università dell'Aquila, Italia.
Rossi G, et al. Int J Mol Sci. 2020;21(23):E8986.

Scienza/Animale: La CBD può proteggere le cellule della pelle dagli effetti dannosi dei raggi UVA e UVB
L'applicazione topica del CBD sulla pelle dei ratti nudi esposti ai raggi UVA e UVB ha cambiato il profilo lipidico dei cheratinociti, di alcune cellule cutanee, e ha migliorato "lo stato della barriera trans-pidermica".
Dipartimento di Chimica Analitica, Università di Medicina di Bialystok, Polonia.
Łuczaj W, et al. Antioxidants (Basel). 2020;9(12):E1178.

Scienza/Cellule: La CBD è stata efficace nel ridurre la crescita di diverse cellule tumorali dei cani
Il CBD è stato somministrato a 5 linee cellulari tumorali osservate nei cani in concentrazioni comprese tra 2,5 e 10 mcg/mL da solo o in combinazione con agenti chemioterapici. Gli autori hanno concluso che "il CBD è efficace nell'ostacolare la proliferazione cellulare e l'induzione dell'autofagia e dell'apoptosi rapidamente attraverso le linee cellulari neoplastiche e sono necessari ulteriori studi clinici per comprendere la sua efficacia e le interazioni con la chemioterapia tradizionale".
Cornell University College of Veterinary Medicine, Dipartimento di Scienze Cliniche, Ithaca, USA.
Henry JG, et al. Vet Comp Oncol. 2020 Nov 28. [in stampa]

Scienza/Umana: Nessun effetto rilevante della CBD sulla cognizione nei pazienti con epilessia
In uno studio con 31 pazienti con epilessia resistente al trattamento, che hanno ricevuto CBD, i ricercatori hanno testato la memoria, l'attenzione e la funzione esecutiva. Hanno trovato che "più dell'89% di tutti i risultati dei singoli test sono rimasti stabili o hanno mostrato un miglioramento affidabile (...). I miglioramenti nella memoria a breve termine/lavoro erano significativamente correlati a una migliore risposta alla terapia".
Centro per l'epilessia, Centro Medico - Università di Friburgo, Facoltà di Medicina, Germania.
Metternich B, et al. Epilepsy Behav. 2020:107558.

Scienza/Umana: L'uso regolare di cannabis può compromettere la connettività tra alcune cellule cerebrali
In uno studio 24 adulti con uso di cannabis almeno settimanale negli ultimi 6 mesi sono stati confrontati con 24 adulti senza uso di cannabis. I consumatori di cannabis eseguiti entro il normale raggio d'azione su un compito di attenzione visiva selettiva, ma i ricercatori hanno trovato alcuni cambiamenti nella connettività delle cellule nervose, che "possono riflettere un'elaborazione compensativa".
Istituto di Neuroscienze Umane, Boys Town National Research Hospital, Boys Town, USA.
Rangel-Pacheco A, et al. Psychopharmacology (Berl). 2020 Nov 25. [in stampa]

Scienza/Animale: Gli endocannabinoidi regolano gli effetti psicostimolanti della chetamina
Secondo gli studi sui topi "la segnalazione degli endocannabinoidi gioca un ruolo critico nel mediare le proprietà psicostimolanti e rinforzanti della ketamina".
Ospedale della Cina occidentale, Università del Sichuan, Repubblica Popolare Cinese.
Xu W, et al. Nat Commun. 2020;11(1):5962.

Scienza/Animale: La CBD può essere utile per l'astinenza da cocaina
L'astinenza da cocaina nei topi induce alcune alterazioni. I ricercatori hanno scoperto che "il CBD allevia queste alterazioni comportamentali e di espressione genica, suggerendo il suo potenziale per la gestione del ritiro di cocaina".
Instituto de Neurociencias, Universidad Miguel Hernández-CSIC, Avda. de Ramón y Cajal s/n, San Juan de Alicante, Spagna.
Gasparyan A, et al. Neurotherapeutics. 2020 Nov 23. [in stampa]

Scienza/Animale: Lo stress della prima infanzia cambia il sistema endocannabinoide
Gli studi sui topi dimostrano che lo stress della prima infanzia promuove cambiamenti comportamentali e molecolari nella sensibilità ai cannabinoidi, che sono mediati da alterazioni del recettore CB1 nelle aree limbiche, alcune aree del cervello, che "potrebbero interferire nella formazione di memorie emotive".
Dipartimento di Scienze Sperimentali e della Salute, Universitat Pompeu Fabra, Barcellona, Spagna
Martín-Sánchez A, et al. Neuropharmacology. 2020:108416.

Scienza: Produzione di cannabinoidi da parte del lievito
Gli autori descrivono le tecniche di produzione dei cannabinoidi trasformando alcuni elementi cellulari in specifiche "micro-fabbriche" di lievito.
Dipartimento di Scienze Vegetali e Ambientali, Università di Copenhagen, Danimarca.
Dusséaux S, et al. Proc Natl Acad Sci U S A. 2020:202013968.

Scienza/Animale: La CBD può ridurre il rischio di ricaduta nella dipendenza da metilfenidato
Negli studi con i ratti cannabidiolo attenuato il mantenimento e il ripristino di estinto metilfenidato indotta da metilfenidato condizionata preferenza posto in ratti e quindi può ridurre il rischio di recidiva metilfenidato.
Laboratorio di Neuroscienze e Comportamento, Dipartimento di Scienze Fisiologiche, Università di Brasilia, Brasile.
Kashefi A, et al. Brain Res Bull. 2020:S0361-9230(20)30707-3.

Scienza/Animale: L'uso del THC nell'adolescenza può compromettere la memoria di lavoro
Gli studi suggeriscono che "il trattamento con THC adolescenziale dei topi ha influenzato notevolmente l'istituzione e la persistenza della memoria di lavoro, pur avendo poco effetto sul processo decisionale, sulle preferenze sociali o sui comportamenti ansiosi".
Dipartimento di Psicologia e Scienze del Cervello, Università dell'Indiana, Bloomington, USA.
Chen HT, et al. Front Psychiatry. 2020;11:576214.

Scienza/Umana: L'uso pesante di cannabis può causare la riduzione di una certa area cerebrale
I ricercatori hanno seguito 20 consumatori pesanti di cannabis e 22 non consumatori per circa 3 anni. Dalle loro misurazioni hanno concluso che "l'uso pesante di cannabis in età adulta è un fattore di rischio per un maggior tasso di diminuzione del volume dell'ippocampo destro". L'ippocampo è una regione del cervello con rilevanza per la memoria e le emozioni.
Jiangsu Provincial Key Laboratory of Special Children's Impairment and Intervention, Nanjing Normal University of Special Education, Cina.
Wang Y, et al. Psychiatry Res. 2020:113588.

Un anno fa / 2 anni fa

Un anno fa

2 anni fa

[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


up

Eventi online gratuiti 2020

Potete trovare tutte le informazioni qui.

L'IACM terrà una serie di webinar gratuiti e un incontro online gratuito per l'anniversario da ottobre a dicembre 2020.

Tutti i webinar si terranno in inglese con sottotitoli in tedesco, francese, spagnolo e portoghese. Tutti i webinar saranno disponibili online fino a marzo 2021.

L'incontro online
per celebrare il 20° anniversario dell'IACM e per onorare il 90° compleanno di Raphael Mechoulam sarà una sessione dal vivo solo il 5 novembre 2020.

I relatori della serie di webinar sono Donald I. Abrams, Bonni Goldstein, Franjo Grotenhermen, Manuel Guzmán, Raphael Mechoulam, Kirsten Müller-Vahl, Roger Pertwee, Daniele Piomelli e Ethan Russo.

Potete trovare tutte le informazioni qui.

Conferenza IACM 2021

La dodicesima conferenza IACM sui cannabinoidi in medicina si terrà a Basilea, in Svizzera, dal 14 al 16 ottobre 2021.

Members only

Regular members can sign up for the new member area of the IACM to access exclusive content.

You need to become a regular member of the IACM to access the new member area.

IACM on Twitter

Follow us on twitter @IACM_Bulletin where you can send us inquiries and receive updates on research studies and news articles.