[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


Bollettino IACM del 09 Novembre 2020

USA: Arizona, New Jersey, South Dakota e Montana hanno legalizzato l'uso di cannabis per adulti, South Dakota e Mississippi per uso medico

Secondo un rapporto dell'UPI del 4 novembre l'Arizona ha approvato la legalizzazione della cannabis ricreativa, con quasi il 60% dei voti. Il New Jersey sembra aver superato una misura simile con quasi il 70%. E' a favore il 57% degli elettori del Montana, dopo che sono stati contati più di due terzi dei voti.

Il South Dakota ha legalizzato la cannabis per uso medico e ricreativo. Circa il 53% sostiene la legalizzazione della cannabis ricreativa e il 69% è favorevole alla legalizzazione della cannabis medica. In Mississippi, l'Iniziativa 65 ha vinto una facile fase elettorale in due fasi, con il 68% degli elettori che approvava la cannabis medica.

UPI del 4 Novembre 2020
Stop the Drug War del 5 Novembre 2020

Scienza/Umana: La cannabis riduce il dolore nei pazienti con fibromialgia

Un estratto di cannabis con THC ha ridotto i sintomi in uno studio clinico di otto settimane controllato con placebo con 17 donne con fibromialgia. Lo studio è stato condotto da ricercatori della Scuola di Salute Pubblica del Segretario Municipale per la Salute a Florianopolis, Brasile, e dell'Università Federale di Santa Catarina a Florianopolis. Un millilitro dell'estratto conteneva 24,44 mg di THC e 0,51 mg di CBD.

Dopo l'intervento, il gruppo cannabis ha presentato una significativa diminuzione del punteggio di fibromialgia rispetto al gruppo placebo. Il gruppo sulla cannabis ha presentato miglioramenti significativi sui punteggi "sentirsi bene", "dolore", "lavorare" e "fatica". Il gruppo placebo ha presentato un miglioramento significativo sul punteggio "depressione" dopo l'intervento. Non ci sono stati effetti avversi gravi.

Chaves C, Bittencourt PCT, Pelegrini A. Ingestion of a THC-Rich Cannabis Oil in People with Fibromyalgia: A Randomized, Double-Blind, Placebo-Controlled Clinical Trial. Pain Med 2020;21(10):2212-2218.

Scienza/Umana: L'uso di cannabis non aumenta il rischio di infortuni sul lavoro

In uno studio che ha coinvolto 136 536 partecipanti che lavorano in Canada, l'uso di cannabis non ha avuto alcuna influenza sul rischio di infortuni sul lavoro. Scienziati dell'Università di Toronto, in Canada, hanno utilizzato i dati del Canadian Community Health Survey degli anni 2013-2016.

Tra i partecipanti, 2577 (2%) hanno avuto un infortunio sul lavoro negli ultimi 12 mesi. Di questi 2577, che hanno avuto un infortunio sul lavoro, il 4% ha anche riferito di essere un consumatore di cannabis nello stesso periodo. Gli investigatori non hanno trovato alcuna associazione tra il consumo di cannabis nell'ultimo anno e gli infortuni sul lavoro. Gli autori hanno scritto che "non hanno trovato prove che i consumatori di cannabis abbiano sperimentato tassi più elevati di infortuni sul lavoro".

Zhang JC, Carnide N, Holness L, Cram P. Cannabis use and work-related injuries: a cross-sectional analysis. Occup Med (Lond). 2020:kqaa175.

Scienza/Umana: La cannabis è stata utile nella sindrome della bocca urente in uno studio pilota

In uno studio in aperto con 17 pazienti affetti da sindrome della bocca urente, un estratto di cannabis ha ridotto il dolore. Lo studio è stato condotto presso la Sezione di Medicina Orale dell'Università di Torino, Italia.
I soggetti sono stati trattati per 4 settimane con un estratto completo di pianta di cannabis, che è stato preparato da fiori di cannabis standardizzati (1 g di cannabis in 10 g di olio d'oliva).

I soggetti hanno mostrato un miglioramento statisticamente significativo nel tempo in termini di remissione clinica dei sintomi orali. Anche i livelli di ansia e depressione sono cambiati statisticamente, mostrando un miglioramento favorevole. Nessuna reazione grave è stata dettagliata. Nessuno dei pazienti ha dovuto interrompere il trattamento a causa di effetti collaterali negativi.

Gambino A, Cabras M, Panagiotakos E, Calvo F, Macciotta A, Cafaro A, Suria M, El Haddad G, Broccoletti R, Arduino PG. Evaluating the Suitability and Potential Efficiency of Cannabis sativa Oil for Patients with Primary Burning Mouth Syndrome: A Prospective, Open-Label, Single-Arm Pilot Study. Pain Med 2020:pnaa318.

Notizie in breve

Scienza: Simposio sulla cannabis e la ricerca sul cancro
Il National Cancer Institute degli Stati Uniti sta organizzando un Simposio su Cannabis, Cannabinoidi e Ricerca sul Cancro il 15-18 dicembre 2020.
Registration

Germania: Il Bundestag respinge una proposta di legge per la legalizzazione della cannabis per adulti
Il 29 ottobre il Bundestag tedesco ha respinto un disegno di legge presentato dal Partito dei Verdi per la legalizzazione della cannabis. Il partito di sinistra ha sostenuto il disegno di legge, che è stato respinto dai socialdemocratici e dai democristiani. I liberali si sono astenuti.
ACM-Informationen del 31 Ottobre 2020

Nuova Zelanda: Gli elettori hanno rifiutato la legalizzazione della cannabis
I neozelandesi hanno respinto per un minimo di voti la legalizzazione della cannabis per gli adulti durante le elezioni generali del 17 ottobre.
Reuters del 6 Novembre 2020

Africa: L'Africa orientale potrebbe diventare un importante centro di esportazione di cannabis
La Comunità dell'Africa orientale potrebbe diventare un produttore di massa di cannabis medica da esportare in mercati in rapida crescita in Occidente. Questo dopo che il 12 ottobre il Ruanda è diventato l'ultimo stato partner dell'EAC ad approvare la produzione di cannabis medica per l'esportazione, seguendo da vicino le orme dell'Uganda. La Tanzania e il Kenya, che producono le maggiori quantità di cannabis nella regione, devono ancora legalizzarla e quindi viene esportata illegalmente.
The East African del 17 Ottobre 2020

Argentina: Il governo vuole consentire l'auto-coltivazione della cannabis per uso medico.
Il governo sta spingendo per una nuova legge sulla cannabis medica che contempli l'auto-coltivazione e sostituisca la legge approvata nel 2017, al fine di creare le condizioni per lo sviluppo di un'industria della cannabis sanitaria come "fonte di lavoro e potenziale guadagno in valuta estera "per il paese.
Elonce del 28 Ottobre 2020

Scienza/Umana: L'attività fisica può ridurre gli effetti della cannabis sulla salute mentale negli adolescenti
In un'analisi di 3173 adolescenti, il consumo di cannabis è stato associato ad un aumento dei livelli di depressione e ansia. Tuttavia, l'attività fisica ha ridotto questi effetti negativi sulla salute mentale.
Dipartimento di Scienze della Salute, Facoltà di Scienze Sanitarie Applicate, Brock University, St. Catharines, Canada.
Duncan MJ, et al. Soc Psychiatry Psychiatr Epidemiol. 2020 Nov 5. [in stampa]

Scienza/Umana: Il CBD non ha ridotto il desiderio di cocaina
In uno studio controllato con placebo su 31 uomini con diagnosi di dipendenza da crack e cocaina, il trattamento giornaliero con 300 mg di CBD al giorno per 10 giorni non ha ridotto i livelli di desiderio. Hanno scritto gli autori "Nelle condizioni di questo studio, il CBD non è stato in grado di interferire con i sintomi dell'astinenza da cocaina crack".
Dipartimento di Psichiatria, Universidade Federal de São Paulo (UNIFESP), Brasile.
Meneses-Gaya C, et al. Braz J Psychiatry. 2020:S1516-44462020005037203.

Scienza/Animale: Oleamide contrasta l'atrofia muscolare negli animali
La somministrazione orale dell'endocannabinoide oleamide ha contrastato la riduzione della massa muscolare di un muscolo nella zampa dei topi, che erano costretti a non muoversi in piccole gabbie.
Divisione di scienze della vita applicate, Scuola di specializzazione in scienze della vita e dell'ambiente, Università della Prefettura di Osaka, Sakai, Giappone.
Kobayashi Y, et al. Br J Nutr. 2020:1-35.

Scienza/Animale: Livelli aumentati di endocannabinoidi possono migliorare il comportamento sociale
L'aumento dei livelli di endocannabinoidi riducendo la loro degradazione nelle arvicole femminili della prateria "può aumentare il contatto sociale con un maschio familiare e nuovo attraverso meccanismi sconosciuti che sono probabilmente separati dalla riduzione dell'ansia".
Dipartimento di Psicologia, Università della California, Davis, USA.
Simmons TC, et al. Psychopharmacology (Berl). 2020 Nov 1. [in stampa]

Scienza/Animale: Aumento dei livelli di endocannabinoidi efficaci nell'emicrania
L'inibizione dell'attività dell'enzima FAAH, che degrada l'endocannabinoide anandamide e quindi aumenta il suo livello, riduce il dolore nei modelli di emicrania di ratto. Questi effetti sono associati a una ridotta infiammazione.
Headache Science Center, IRCCS Mondino Foundation, Pavia, Italy.
Greco R, et al. Neurobiol Dis. 2020;147:105157.

Scienza/Umana: La schizotipia e non l'uso di cannabis predicevano esperienze insolite dopo la cannabis
In un campione di 129 consumatori di cannabis la schizotipia, caratterizzata da alcuni tratti della personalità, ma non “la frequenza del consumo di cannabis [...] predice esperienze insolite. Tuttavia, gli individui con tratti di personalità schizotipici possono avere esperienze più insolite quando usano la cannabis. "
NAViGO Health and Social Care CIC, Grimsby, Regno Unito.
Airey ND, et al. J Addict. 2020;2020:5961275.

Scienza: E' possibile differenziare l'uso di cannabis dall'uso di estratti di CBD attraverso i test delle urine
Se i metaboliti del CBD erano presenti in dieci volte in eccesso rispetto ai metaboliti del tetraidrocannabinolo, le persone venivano considerate come utilizzatori di estratti di CBD.
MedTox Laboratories, Laboratory Corporation of America Holdings, St. Paul, USA.
Goggin MM, et al. Clin Toxicol (Phila). 2020:1-9.

Scienza/Animale: Il sistema endocannabinoide è coinvolto negli effetti della chirurgia bariatrica
I ricercatori hanno dimostrato che il recettore CB1 è un attore chiave nella regolazione dell'energia dopo l'intervento chirurgico, che riduce il volume dello stomaco per ridurre il peso corporeo.
Dipartimento di Medicina Interna, Università dell'Iowa Carver College of Medicine, Iowa City, USA.
Ye Y, et al. Cell Rep. 2020;33(4):108270.

Scienza/Cellule: Il THC riduce lo stress ossidativo nei modelli di malattia di Alzheimer
Lo stress ossidativo è stato utilizzato nelle cellule nervose umane per imitare condizioni patologiche simili al morbo di Alzheimer. Questo stress è stato notevolmente ridotto dal THC ma non dal CBD.
Dipartimento di Scienze Fisiche e Ambientali, Università di Toronto Scarborough, Canada.
Raja A, et al. Pharmaceuticals (Basel). 2020;13(11):E328.

Scienza/Animale: Il recettore della dopamina è coinvolto nell'azione del CBD e del CBDV
La ricerca con un certo nematode (C. elegans) mostra che gli effetti del CBD (cannabidiolo) e del CBDV (cannabidivarina) sono in parte mediati da recettori simili alla dopamina D2. Gli autori hanno notato che questa scoperta "muove un passo significativo verso la nostra comprensione dei meccanismi per gli usi medici della cannabis nel trattamento dei disturbi neurologici e psichiatrici".
Dipartimento di Farmacologia e Tossicologia, University of Louisville School of Medicine, USA.
Shrader SH, et al. Biochem Biophys Res Commun. 2020:S0006-291X(20)31930-6.

Scienza/Animale: Il CBD può migliorare la malattia di Alzheimer migliorando i processi immunitari
In un modello murino della malattia di Alzheimer (AD) è stato dimostrato che "il CBD può migliorare il processo patologico dell'AD migliorando la risposta del sistema immunitario e il percorso dell'autofagia".
Dipartimento di Biochimica e Biologia Molecolare, China Medical University, Shenyang, Cina.
Hao F, et al. Life Sci. 2020:118624.

Un anno fa / 2 anni fa

Un anno fa

2 anni fa

[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


up

Eventi online gratuiti 2020

Potete trovare tutte le informazioni qui.

L'IACM terrà una serie di webinar gratuiti e un incontro online gratuito per l'anniversario da ottobre a dicembre 2020.

Tutti i webinar si terranno in inglese con sottotitoli in tedesco, francese, spagnolo e portoghese. Tutti i webinar saranno disponibili online fino a marzo 2021.

L'incontro online
per celebrare il 20° anniversario dell'IACM e per onorare il 90° compleanno di Raphael Mechoulam sarà una sessione dal vivo solo il 5 novembre 2020.

I relatori della serie di webinar sono Donald I. Abrams, Bonni Goldstein, Franjo Grotenhermen, Manuel Guzmán, Raphael Mechoulam, Kirsten Müller-Vahl, Roger Pertwee, Daniele Piomelli e Ethan Russo.

Potete trovare tutte le informazioni qui.

Conferenza IACM 2021

La dodicesima conferenza IACM sui cannabinoidi in medicina si terrà a Basilea, in Svizzera, dal 14 al 16 ottobre 2021.

Members only

Regular members can sign up for the new member area of the IACM to access exclusive content.

You need to become a regular member of the IACM to access the new member area.

IACM on Twitter

Follow us on twitter @IACM_Bulletin where you can send us inquiries and receive updates on research studies and news articles.