[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


Bollettino IACM del 12 Ottobre 2020

IACM: Webinar gratuiti e meeting online per l'anniversario tra ottobre e dicembre 2020

L'inizio della serie di webinar IACM è stato posticipato dall'8 ottobre al 15 ottobre. Tutti i webinar inizieranno alle 18:00 ora dell'Europa centrale. L'evento dell'anniversario del 5 novembre, dove celebreremo il 90 ° compleanno del professor Mechoulam e il 20 ° anniversario della IACM, inizierà alle 17:00 CET. Tutti i webinar si terranno in inglese con sottotitoli in tedesco, francese, spagnolo e portoghese. Solo la serie di webinar sarà disponibile online in seguito come registrazioni su richiesta da ottobre 2020 a marzo 2021 sul sito web del nostro ospite (Congrex).

Il primo webinar del 15 ottobre 2020 alle 18:00 (CEST) del professor Roger Pertwee dal titolo "Potenziali usi terapeutici di alcuni cannabinoidi derivati ​​dalla cannabis e sintetici rivelati dalle loro proprietà farmacologiche" risponderà alle seguenti domande:
- Quali farmaci cannabinoidi approvati sono già stati sviluppati?
- Esistono cannabinoidi vegetali (fitocannabinoidi) con proprietà farmacologiche, per i quali sono state individuate potenziali applicazioni terapeutiche?
- Esistono cannabinoidi sintetici con proprietà farmacologiche, per i quali sono state individuate potenziali applicazioni terapeutiche?
- Cos'è il sistema endocannabinoide e come potrebbe essere mirato a generare effetti terapeuticamente benefici?
- Ci sono esigenze attualmente non soddisfatte che dovrebbero essere affrontate per aiutare a far avanzare la scoperta / lo sviluppo di nuovi importanti farmaci cannabinoidi?
- Esistono importanti fonti di informazioni note sulla farmacologia e / o il potenziale terapeutico dei fitocannabinoidi e / o dei cannabinoidi sintetici?
l prossimo webinar del 22 ottobre di Donald Abrams e Manuel Guzman tratterà il tema “Cannabis in cancer”, seguito il 29 ottobre da Ethan Russo con “Plants and the Endocannabinoid System”. Il file si trova qui whole programme.

Registratevi a free here a partire dal 12 Ottobre alle 23:00 CET per tutti gli eventi.

Scienza/Umana: L'uso della cannabis è un trattamento emergente per i sintomi comuni negli anziani

I risultati di un sondaggio con 568 adulti di età pari o superiore a 65 anni mostra che circa il 15% (83 partecipanti) ha riferito di aver usato cannabis negli ultimi 3 anni per trattare una serie di sintomi tra cui dolore, disturbi del sonno, ansia e depressione. Lo studio è stato condotto da ricercatori della Divisione di Geriatria e Gerontologia del Dipartimento di Medicina dell'Università della California a San Diego, La Jolla, USA.

Di coloro che utilizzano prodotti a base di cannabis, il 53% ha riferito di utilizzare cannabis regolarmente su base giornaliera o settimanale e il 46% ha riferito di utilizzare prodotti a base di solo cannabidiolo. La maggior parte (78%) utilizzava cannabis solo per scopi medici, con le condizioni target più comuni quali dolore / artrite (73%), disturbi del sonno (29%), ansia (24%) e depressione (17%). Poco più di tre quarti hanno riferito che la cannabis è "in qualche modo" o "estremamente" utile nella gestione di una di queste condizioni, con pochi effetti negativi. Lozioni (35%), tinture (35%) e fumo (30%) erano le forme di somministrazione più comuni.

Yang KH, Kaufmann CN, Nafsu R, Lifset ET, Nguyen K, Sexton M, Han BH, Kim A, Moore AA. Cannabis: An Emerging Treatment for Common Symptoms in Older Adults. J Am Geriatr Soc. 2020 Oct 7. [in stampa]

Scienza/Umana: Più di un quarto delle donne usa la cannabis per la gestione dei sintomi della menopausa

Secondo un sondaggio del San Francisco VA Health Care System e dell'Università della California a San Francisco, la cannabis viene utilizzata da più di un quarto di tutte le donne partecipanti per il trattamento dei sintomi della menopausa. Su 232 donne di mezza età con età media di 56 anni, il 27% aveva fatto uso di cannabis o l'aveva usata contro uno o più dei seguenti sintomi: vampate di calore e sudorazioni notturne (54%), insonnia (27%) e sintomi genito-urinari (69% ).

Un ulteriore 10% dei partecipanti ha espresso interesse per un utilizzo futuro. Al contrario, solo il 19% ha riportato forme tradizionali di gestione dei sintomi della menopausa, inclusa la terapia ormonale menopausale. Gli autori hanno concluso che "l'uso di cannabis per la gestione dei sintomi della menopausa era comune in questo campione di donne di mezza età Veterane nel nord della California. Questo studio solleva interrogativi sulla generalizzabilità di questi risultati in altre regioni con atteggiamenti legali e culturali diversi nei confronti del consumo di cannabis (...) ". "Questi risultati suggeriscono che l'uso di cannabis per gestire i sintomi della menopausa può essere relativamente comune", ha detto in una dichiarazione la coautrice dello studio Carolyn Gibson.

Gibson C, Huang A, Maguen S, Inslicht S, Byers A, Seal K. Cannabis use for menopause symptom management among midlife women Veterans. 2020 Virtual Annual Meeting of the North American Menopause Society. Poster 10, p. 14.
UPI del 28 Settembre 2020

Scienza/Umana: La cannabis non ha un impatto importante sulla cognizione nei pazienti trattati per il dolore cronico

Uno studio trasversale è stato condotto tra pazienti con dolore cronico di età pari o superiore a 15 anni, che avevano licenze per l'uso di cannabis (63 partecipanti) o non usavano cannabis (62 pazienti). Gli investigatori della School of Public Health, Faculty of Social Welfare and Health Sciences dell'Università di Haifa, Israele, hanno scoperto che non vi era alcuna differenza rilevante tra i due gruppi per quanto riguarda le prestazioni psicomotorie cognitive. Una breve serie computerizzata di test è stata utilizzata per valutare le prestazioni cognitive della reazione psicomotoria, dell'attenzione, della memoria di lavoro e dell'apprendimento.

I risultati hanno mostrato che "i gruppi non differivano in modo significativo in termini di misurazioni delle prestazioni cognitive". Inoltre, nessuno dei modelli di utilizzo, come l'intensità e la durata dell'uso, era associato alle prestazioni cognitive. I ricercatori hanno concluso che questi "risultati suggeriscono che l'uso dell'intera pianta non ha un impatto diffuso sulla cognizione nei pazienti più anziani con dolore cronico".

Sznitman SR, Vulfsons S, Meiri D, Weinstein G. Medical cannabis and cognitive performance in middle to old adults treated for chronic pain. Drug Alcohol Rev. 2020 Sep 22. [in stampa]

Scienza/Umana: Molti malati di cancro usano la cannabis ma spesso non sono ben informati

Secondo un sondaggio con 24 partecipanti di età compresa tra 30 e 71 anni affetti da cancro la cannabis è stata utilizzata per diversi sintomi, ma spesso non erano ben informati sulla cannabis nel cancro. Lo studio è stato condotto da ricercatori della Harvard Medical School, Dana-Farber Cancer Institute e altre istituzioni scientifiche di Boston, USA, e pubblicato sulla rivista Cancer.

Le certificazioni di cannabis medica venivano generalmente rilasciate da un professionista nuovo alle cure di un paziente "dopo una breve e superficiale consultazione", hanno scritto gli autori. I pazienti a volte usavano la cannabis invece dei trattamenti standard. Gli autori hanno notato che a causa della "mancanza di consigli formali da parte dei professionisti medici, i pazienti si sono affidati a fonti non mediche per le informazioni sulla MC" e hanno concluso che "i pazienti con cancro usavano la MC con una supervisione medica minima".

Braun IM, Nayak MM, Revette A, Wright AA, Chai PR, Yusufov M, Pirl WF, Tulsky JA. Cancer patients' experiences with medicinal cannabis-related care. Cancer. 2020 Sep 28. [in stampa]

Notizie in breve

Scienza/Umana: Il CBD è stato efficace nel ridurre l'ansia sociale e i sintomi psicotici in un caso clinico
Secondo un articolo pubblicato sul British Medical Journal, un uomo di 20 anni con grave disturbo d'ansia sociale, disturbo depressivo maggiore, insonnia e sintomi psicotici ha avuto vantaggi da un trattamento aggiuntivo con CBD a dosi comprese tra 200 e 800 mg al giorno per 6 mesi . "Durante il trattamento con CBD, ha sperimentato benefici soggettivi per la sua ansia, depressione e sintomi positivi che sono stati confermati dai medici e da strumenti di ricerca standardizzati", hanno scritto gli autori australiani.
Center for Youth Mental Health, Università di Melbourne, Victoria, Australia.
Berger M, et al. BMJ Case Rep. 2020;13(10):e235307

Colombia: Il governo dichiara la cannabis medicinale un progetto di interesse nazionale strategico
Il Governo Nazionale ha dichiarato la Cannabis Medicinale come Progetto di Interesse Strategico Nazionale, indicando così che verrà data priorità al settore, velocizzando le sue procedure e processi. Ciò faciliterà l'attuazione efficiente e tempestiva dei progetti che lo compongono, tenendo conto degli interessi del governo rispetto alla generazione di occupazione, all'aumento della capacità di esportazione e alla generazione di nuovo reddito sul territorio nazionale, tra gli altri.
Cámara Colombiana de Cannabis Medicinal e Industrial del 18 Settembre 2020

USA: Circa lo 0,3% dei cittadini dello Utah riceve cannabis 6 mesi dopo l'attuazione di un programma di cannabis medicinale
Circa 10.000 cittadini dello Utah con i suoi 3,2 milioni di abitanti sono autorizzati a usare la cannabis nell'ambito del programma di cannabis medica emanato 6 mesi fa. Ma l'elevata domanda ha anche portato a carenze sia di prodotti che di fornitori interessati a raccomandare la cannabis ai pazienti. "Non credo che qualcuno avesse un'idea del numero di pazienti che lo Utah avrebbe visto così presto. ... Penso che stiamo superando tutti gli studi che avevamo sul numero di pazienti ", ha detto Cody James, manager del Programma di canapa industriale e cannabis medica del Dipartimento dell'agricoltura dello Utah.
Deseret del 27 Settembre 2020

Scienza/Animale: Gli endocannabinoidi proteggono dall'infezione batterica dell'intestino
Studi con i topi mostrano che gli animali con livelli aumentati di endocannabinoide 2-AG sono protetti dall'infezione intestinale dei batteri Enterobacter. 2-AG modula direttamente la funzione dei batteri inibendo le funzioni essenziali per il successo dell'infezione, tra gli altri meccanismi di azione contro l'infezione batterica. Gli autori hanno concluso che "gli endocannabinoidi sono rilevati direttamente dai batteri e possono modulare la funzione batterica".
Dipartimento di Microbiologia, UT Southwestern Medical Center, Dallas, USA.
Ellermann M, et al. Elsevier BV. 2020 Oct 7. [in stampa]

Scienza/Animale: Il beta-cariofillene riduce il dolore infiammatorio cronico
Il beta-cariofillene stimola il recettore CB2. In uno studio sui ratti, questo terpene è stato in grado di ridurre i comportamenti dolorosi in un modello di dolore infiammatorio ripetuto in entrambi i sessi, ma in misura maggiore nei maschi.
Dipartimento di Medicina, Chirurgia e Neuroscienze, Università di Siena, Italia.
Ceccarelli I, et al. Front Neurosci. 2020;14:850

Scienza/Animale: Ii recettore CB2 svolge un ruolo importante nella regolazione della malattia del trapianto contro l'ospite
La malattia del trapianto contro l'ospite è una sindrome, che è comunemente associata ai trapianti di midollo osseo e ai trapianti di cellule staminali, in cui le cellule trapiantate (l'innesto) attaccano il corpo (l'ospite). Gli studi dimostrano che il recettore CB2 svolge un ruolo fondamentale nella regolazione di questa sindrome, caratterizzata da infiammazione in diversi organi.
Medical College of Wisconsin, Wauwatosa, USA.
Yuan CY, et al. Blood. 2020:blood.2020004871

Scienza/Cellule: Il sistema endocannabinoide riduce le risposte infiammatorie
In un ambiente infiammatorio, alcuni globuli bianchi, macrofagi e le cosiddette cellule stromali mesenchimali cambiano, influenzando negativamente la guarigione. I ricercatori hanno scoperto che il sistema endocannabinoide sottoregola le risposte infiammatorie di queste cellule. Notano che i cannabinoidi "possono costituire una potente opzione terapeutica contro i disturbi infiammatori".
Dipartimento di Chirurgia Plastica, Centro di chirurgia della mano e ustioni, Ospedale universitario
Ruhl T, et al. Pharmacol Rep. 2020 Oct 7. [in stampa]

Scienza/Animale: L'acido cannabidiolico (CBDA) può ridurre la sensibilità al dolore
Uno studio con i topi mostra che l'acido cannabidiolico, cannabinoide naturale, (CBDA) ha effetti analgesici e riduce l'iperalgesia termica.
Centro di Scienze Comportamentali e Salute Mentale, Istituto Superiore di Sanità, Roma, Italia.

Vigli D, et al. Neuroscience. 2020:S0306-4522(20)30625-4

Scienza/Animale: Una combinazione di CBD, CBG e olio di pesce riduce l'infiammazione dell'intestino
In uno studio con i topi la combinazione di cannabidiolo (CBD), cannabigerolo (CBG) e olio di pesce ha mostrato effetti antinfiammatori pronunciati nella colite. Gli autori hanno scritto che questi "dati preclinici supportano una nuova strategia di combinazione di queste sostanze per il potenziale sviluppo di un trattamento della malattia infiammatoria intestinale".
Dipartimento di Farmacia, Facoltà di Medicina e Farmacia, Università di Napoli Federico II, Italia.
Pagano E, et al. Phytother Res. 2020 Sep 30. [in stampa]

Scienza/Animale: Il CBD migliora l'ipertensione polmonare
L'ipertensione delle arterie polmonari stata indotta nei ratti è stata attenuata dal CBD in una dose di 10 mg per kg di peso corporeo. Il CBD ha aumentato i livelli polmonari di alcuni endocannabinoidi, tra cui anandamide e palmitoiletanolamina, ma non di 2-AG. Gli autori hanno concluso che "il CBD può essere un agente terapeutico o adiuvante sicuro e promettente per il trattamento dell'ipertensione arteriosa polmonare umana".
Sadowska O, et al. Int J Mol Sci. 2020;21(19):E7077

Scienza/Cellule: Una combinazione di CBD e ossigeno-ozono ha mostrato effetti anti-cancro nelle cellule del cancro del pancreas
Una combinazione di CBD e O2 / O3 ha mostrato effetti antitumorali in 2 linee cellulari di cancro al pancreas.
Fondazione "Maria Guarino"-AMOR, Pozzuoli, Italia.
Luongo M, et al. Cancers (Basel). 2020;12(10):E2774

Scienza/Cellule: I meccanismi alla base degli effetti antidolorifici del CBD
In uno studio con alcune cellule nervose del midollo spinale (ganglio della radice dorsale) il CBD ha inibito la segnalazione del TRPV1 (recettore vanilloide 1) e ha mostrato alcuni altri effetti. Gli autori hanno notato che questi "meccanismi possono essere alla base della desensibilizzazione dei nocicettori e dell'effetto terapeutico del CBD in modelli animali e pazienti con dolore acuto e cronico".
Dipartimento di Chirurgia e Cancro, Imperial College London, Hammersmith Hospital, Regno Unito.
Anand U, et al. J Pain Res. 2020;13:2269-2278

Scienza/Animale: L'attivazione del recettore CB2 può aumentare il flusso sanguigno nel cervello
L'attivazione del recettore dei cannabinoidi-2 da parte di un cannabinoide sintetico (JWH-133) ha aumentato il flusso sanguigno in uno stato di disfunzione vascolare nel cervello causato dal diabete di tipo 1. Ha migliorato ifatti l'allargamento endoteliale e neuronale alterato delle arteriole cerebrali. Gli autori hanno scritto che “l'attivazione dei recettori CB2 può potenziare la reattività delle arteriole cerebrali durante gli stati fisiologici e fisiopatologici. Ipotizziamo che il trattamento con agonisti del recettore CB2 possa avere potenziali benefici terapeutici per il trattamento delle malattie vascolari cerebrali attraverso un meccanismo che può aumentare il flusso sanguigno cerebrale ".
Division of Basic Biomedical Sciences, Sanford School of Medicine, The University of South Dakota, Vermillion, USA.
Van Hove L, et al. Microvasc Res. 2020;133:104077

Scienza/Cellule: Il CBD protegge le cellule della pelle dalle radiazioni ultraviolette B del sole
In studi con alcune cellule della pelle, cheratinociti e melanociti, che sono stati trattati con l'irradiazione ultravioletta B (UVB), il CBD ha mostrato un effetto protettivo dose-dipendente su entrambi i tipi di cellule. Gli autori hanno ipotizzato "che l'effetto protettivo è dovuto alla riduzione delle specie reattive dell'ossigeno".
Applied Biology Inc., Irvine, USA.
Gohad P, et al. J Cosmet Dermatol. 2020 Sep 16. [in stampa]

Un anno fa / 2 anni fa

Un anno fa

2 anni fa

[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


up

Eventi online gratuiti 2020

Potete trovare tutte le informazioni qui.

L'IACM terrà una serie di webinar gratuiti e un incontro online gratuito per l'anniversario da ottobre a dicembre 2020.

Tutti i webinar si terranno in inglese con sottotitoli in tedesco, francese, spagnolo e portoghese. Tutti i webinar saranno disponibili online fino a marzo 2021.

L'incontro online
per celebrare il 20° anniversario dell'IACM e per onorare il 90° compleanno di Raphael Mechoulam sarà una sessione dal vivo solo il 5 novembre 2020.

I relatori della serie di webinar sono Donald I. Abrams, Bonni Goldstein, Franjo Grotenhermen, Manuel Guzmán, Raphael Mechoulam, Kirsten Müller-Vahl, Roger Pertwee, Daniele Piomelli e Ethan Russo.

Potete trovare tutte le informazioni qui.

Conferenza IACM 2021

La dodicesima conferenza IACM sui cannabinoidi in medicina si terrà a Basilea, in Svizzera, dal 14 al 16 ottobre 2021.

Members only

Regular members can sign up for the new member area of the IACM to access exclusive content.

You need to become a regular member of the IACM to access the new member area.

IACM on Twitter

Follow us on twitter @IACM_Bulletin where you can send us inquiries and receive updates on research studies and news articles.