[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


Bollettino IACM del 29 Settembre 2020

IACM: Il Prof.Elisaldo Araújo Carlini, pioniere della ricerca sui cannabinoidi, si è spento all'età di 90 anni

Il ricercatore brasiliano di cannabis e cannabinoidi Prof Elisaldo Araujo Carlini (1930-2020) è deceduto il 16 settembre all'età di 90 anni. È stato il pioniere nella scoperta degli effetti anticonvulsivanti del cannabidiolo, ancora negli anni '70. Carlini ha vissuto un periodo della sua infanzia in un piccolo distretto rurale di Pirajá, San Paolo. In questo villaggio privo di tutte le risorse, compresa l'assistenza sanitaria, è entrato in contatto con i trattamenti erboristici e ha sviluppato un profondo senso di solidarietà con la sofferenza umana. Il professore diceva ai suoi studenti che la sua passione per la ricerca con le piante officinali è iniziata in quel periodo.

Carlini ha pubblicato i suoi primi articoli sulla cannabis quasi contemporaneamente a quello del gruppo di Raphael Mechoulam all'Università Ebraica, in Israele. A quel tempo, Mechoulam e Carlini stabilirono una partnership estremamente produttiva e un'amicizia a vita. Alcuni anni dopo, con il suo collega Isaac Karniol, ha osservato che il contenuto di THC dei campioni di cannabis brasiliani non spiegava tutte le sue attività biologiche. Questa scoperta ha evidenziato che altri cannabinoidi potrebbero anche produrre effetti farmacologici che, come nel caso del cannabidiolo (CBD), potrebbero essere addirittura opposti a quelli osservati con il THC. Questi studi sono stati fondamentali per la successiva scoperta delle proprietà ansiolitiche e antipsicotiche del CBD.

Fonte: estratti dal manoscritto “Prof. Elisaldo Araújo Carlini, Cannabis e Cannabinoidi
Research Pioneer (1930–2020) "per lo IACM Journal Cannabis and Cannabinoid Research scritto da Antonio Zuardi, Francisco Guimaraes e José Crippa dell'Università di San Paolo, Brasile. [Da pubblicare]

Scienza/Umana: L'uso di cannabis può ridurre il rischio di cancro secondo una revisione

Secondo una rassegna pubblicata online su Cannabis and Cannabinoid Research da scienziati del Dipartimento di Scienze Biologiche dell'Università dell'Indiana South Bend, USA, l'uso di cannabis può ridurre il rischio di cancro. Gli autori hanno identificato 34 studi ed hanno escluso dati ad alto rischio di bias di selezione (definiti come quelli del Nord Africa e quelli che non sono riusciti a fare aggiustamenti per il tabacco) e dati con alto rischio di bias di performance (definiti come quelli con meno di 20 casi o controlli tra utilizzatori di cannabis).

Di tutti i siti di cancro, solo il cancro ai testicoli ha mostrato un valore di rischio relativo superiore a 1, sebbene questo non fosse significativo e avesse una dimensione dell'effetto trascurabile del 12% (RR = 1,12). Dopo la rimozione degli studi sui tumori ai testicoli, i dati rimanenti hanno mostrato una diminuzione del rischio del 13% (RR = 0,87). I tumori della testa e del collo hanno mostrato un'associazione negativa con il rischio di cancro (RR = 0,83). I rischi relativi non hanno raggiunto la significatività statistica nelle restanti categorie di siti tumorali (polmone, testicolare, associato all'obesità, altro). Gli autori hanno concluso che questi dati "sono coerenti con un'associazione negativa tra uso di cannabis e cancro non testicolare, ma c'è scarsa “confidence” in questo risultato a causa dell'elevata eterogeneità e della scarsità di dati per molti tipi di cancro".


Clark TM. Scoping Review and Meta-analysis Suggests that Cannabis Use May Reduce Cancer Risk in the United States. Cannabis Cannabinoid Res. 2020 Aug 21. [in stampa]

Scienza/Umana: Le persone che vivono con l'HIV, che fanno uso di cannabis, presentano prestazioni cognitive migliori

Le persone che vivono con l'HIV (PLWH) riferiscono tassi di consumo di cannabis più elevati rispetto alla popolazione generale. In uno studio con 138 pazienti, coloro che hanno usato cannabis hanno ottenuto risultati migliori in ambito neuropsicologico rispetto ai non consumatori. Questo è il risultato degli scienziati del Dipartimento di Psicologia della Fordham University di New York, USA.

I pazienti, che erano consumatori di cannabis, hanno ottenuto risultati significativamente migliori nei test di velocità di elaborazione, funzionamento esecutivo, fluidità verbale, apprendimento, memoria e capacità motorie rispetto ai non utenti. Gli autori hanno scritto che i loro risultati "suggeriscono che PLWH con uso passato di cannabis ha una neurocognizione simile o migliore in tutti i domini rispetto a PLWH senza uso passato.”

Crook CL, Savin MJ, Byrd D, Summers AC, Guzman VA, Morris EP, Tureson K, Aghvinian M, Cham H, Mindt MR. The neurocognitive effects of a past cannabis use disorder in a diverse sample of people living with HIV. AIDS Care. 2020:1-10.

Scienza/Umana: Un gran numero di pazienti con mal di schiena è in grado di interrompere l'uso di oppioidi dopo l'inizio del consumo di cannabis

In uno studio di coorte retrospettivo su 61 pazienti con lombalgia, circa la metà è stata in grado di interrompere l'uso di oppioidi, che di solito richiedeva diversi anni. Questo è il risultato di uno studio della Society of Cannabis Clinicians a Sebastopol, USA. Le raccomandazioni sulla cannabis sono state fornite ai pazienti come un modo per mitigare la loro lombalgia.

Gli autori hanno scoperto che "il 50,8% è stato in grado di interrompere tutto l'uso di oppioidi, che ha impiegato una mediana di 6,4 anni (IQR = 1,75-11 anni) dopo aver escluso due pazienti che hanno abbandonato gli oppioidi utilizzando agonisti degli oppioidi. Per quei 29 pazienti (47,5%) che non hanno interrotto gli oppioidi, 9 (31%) sono stati in grado di ridurre l'uso di oppioidi, 3 (10%) hanno mantenuto la stessa linea di base e 17 (59%) hanno aumentato il loro utilizzo ". Hanno notato che "non c'erano variabili che predicessero chi avrebbe interrotto gli oppioidi, tranne che coloro che hanno usato dosi più elevate di cannabis avevano maggiori probabilità di smettere, il che suggerisce che alcuni pazienti potrebbero essere in grado di smettere gli oppioidi usando cannabis, in particolare quelli a livelli più alti. "

Takakuwa KM, Hergenrather JY, Shofer FS, Schears RM. The Impact of Medical Cannabis on Intermittent and Chronic Opioid Users with Back Pain: How Cannabis Diminished Prescription Opioid Usage. Cannabis Cannabinoid Res. 2020;5(3):263-270.

Scienza/Umana: La liberalizzazione dei prodotti con CBD ha portato alla riduzione di altri farmaci

Alcuni governi in tutto il mondo sono preoccupati per il boom dei prodotti al CBD (cannabidiolo). I ricercatori del Dipartimento di Giurisprudenza, Economia e Sociologia dell'Università "Magna Graecia" di Catanzaro, Italia, nonché dalla Germania hanno studiato un caso di liberalizzazione non intenzionale di un prodotto a base di CBD avvenuto in Italia nel 2017.

Utilizzando dati unici e ad alta frequenza sulle vendite di farmaci da prescrizione e sfruttando la disponibilità locale scaglionata del nuovo prodotto in ogni provincia italiana, i ricercatori documentano un significativo effetto di sostituzione tra prodotti CBD e ansiolitici, sedativi, oppioidi, antidepressivi e antipsicotici . Gli autori hanno concluso che questi risultati "suggeriscono che i divieti sull'uso di cannabis leggera ignorerebbero le esigenze dei pazienti di cercare sollievo efficace dei loro sintomi".

Carrieri V, Madio L, Principe F. Do-It-Yourself medicine? The impact of light cannabis liberalization on prescription drugs. J Health Econ. 2020;74:102371.

Notizie in breve

Scienza/Animale: Il CBD può ridurre la tempesta di citochine nella sindrome da distress respiratorio acuto
In questo studio, i ricercatori hanno dimostrato che l'applicazione intranasale dell'analogo sintetico di un RNA virale simulava i sintomi della sindrome da distress respiratorio acuto grave accompagnata da alti livelli di citochine pro-infiammatorie. La somministrazione di CBD ha regolato il livello di queste citochine e migliorato i sintomi clinici. Questo può essere utile nel trattamento di COVID-19.
Dental College of Georgia, Augusta University, Augusta, Georgia, USA.
Khodadadi H, et al. Cannabis Cannabinoid Res. 2020;5(3):197-201.

Scienza/Umana: Il CBD può modulare la funzione cerebrale durante la paura per le persone ad alto rischio di psicosi
In uno studio in doppio cieco controllato con placebo con 33 persone ad alto rischio di psicosi e 19 controlli sani, dopo una singola dose orale di CBD (600 mg) i partecipanti sono stati scansionati con la risonanza magnetica funzionale (fMRI) durante un test sulla paura (fearfull face-processing paradigm). Durante l'elaborazione della paura, i partecipanti ad alto rischio di psicosi che ricevevano placebo (n = 15) hanno mostrato una maggiore attivazione rispetto ai controlli (n = 19) nel giro parahippocampale ma meno attivazione nello striato. Gli autori hanno notato che "il CBD modula la funzione cerebrale nelle regioni implicate nel rischio di psicosi e nell'elaborazione delle emozioni".
Dipartimento di studi sulla psicosi, Istituto di psichiatria, psicologia e neuroscienze, King's College di Londra, Regno Unito.
Davies C, et al. Transl Psychiatry. 2020;10(1):311.

Scienza/Umana: Molti pazienti con SM usano la cannabis per il trattamento della spasticità, del dolore e del sonno
Secondo un sondaggio del Comitato di ricerca nordamericano sulla sclerosi multipla (NARCOMS) con 3249 pazienti con sclerosi multipla, il 31% (n = 1012) ha indicato di aver usato cannabis per i sintomi della SM almeno una volta; di questi intervistati, il 50,5% aveva usato cannabis per trattare la spasticità, il 43,6% aveva usato cannabis per il dolore e il 38,4% aveva usato cannabis per dormire. Ci sono stati 636 (19,6%) intervistati che hanno segnalato l'uso corrente di cannabis per la loro SM, mentre 376 (11,6%) hanno riferito un uso passato ma non l'uso attuale.
Salter A, et al. Joint ACTRIMS-ECTRIMS Meeting- MSVirtual2020 P0439.

Spagna: Conferenza online in spagnolo di ICEERS
Il terzo CANNABMED by ICEERS si svolgerà dal 6 al 7 ottobre 2020. La registrazione è possibile here .

Svizzera: Il Consiglio degli Stati approva una sperimentazione sull'uso di cannabis da parte di adulti
Il Consiglio degli Stati svizzero ha approvato un piano per avviare sperimentazioni sulla cannabis per uso ricreativo, ma solo i "consumatori esperti di cannabis" dovrebbero fare domanda. Lo studio spera di saperne di più sugli effetti che una legalizzazione controllata del farmaco avrebbe in Svizzera. Il governo sta cercando "solo adulti che già fanno uso di cannabis per partecipare allo studio". La proposta era stata precedentemente approvata dalla Camera bassa svizzera - il Consiglio nazionale - a giugno.
The Local del 10 Settembre 2020

Regno Unito: L'assicurazione sanitaria paga la cannabis di un ragazzo gravemente epilettico
Il NHS ha accettato di pagare la medicina a base di cannabis di un ragazzo gravemente epilettico quasi due anni dopo che il suo caso ha contribuito a persuadere il governo a legalizzare il trattamento. Il servizio sanitario ha annunciato che finanzierà la terapia con cannabis di Billy Caldwell, in una mossa che probabilmente consentirà ai genitori di altri bambini epilettici di ottenere un sostegno finanziario per trattamenti simili.
The Times dell'11 Settembre 2020

Regno Unito: I capi della polizia rispondono alle richieste di tessera per cannabis medicinale
Nonostante la cannabis medicinale sia stata legalizzata nel 2018 e decine di migliaia di persone che usano il farmaco in medicina, solo circa 100 persone hanno ricevuto una prescrizione del NHS per il farmaco. Altri hanno ottenuto una prescizione a proprie spese, spesso a un costo enorme. La maggior parte delle persone che hanno bisogno della cannabis per aiutare con condizioni come la sclerosi multipla e l'epilessia stanno ancora acquistando illegalmente il farmaco di classe B e rischiano l'arresto e il processo.
Vice del 9 Settembre 2020

Svezia: Due società possono fornire estratti di cannabis medica ai pazienti
Due società hanno annunciato che prevedono di fornire prodotti a base di olio di cannabis medica a pazienti svedesi durante il 2020. In base a un accordo firmato a novembre 2019, Emerald fornirà i loro prodotti a base di cannabis medica ai mercati serviti da STENOCARE e dai suoi partner. Diversi pazienti svedesi hanno chiesto tramite il loro medico un'approvazione speciale per il trattamento con prodotti a base di olio di cannabis medica e hanno ottenuto una licenza per questo trattamento.
Stenocare dell'8 Settembre 2020

USA: Proposta di legge sugli integratori alimentari di canapa-CBD presentyata in Parlamento
Due membri della Camera dei Rappresentanti hanno introdotto la Legge sulla protezione dei consumatori e sulla stabilizzazione del mercato della canapa e CBD derivato dalla canapa del 2020 per consentire la commercializzazione legale della canapa e del CBD derivato dalla canapa negli integratori alimentari.
Foodnavigator del 4 Settembre 2020

Scienza/Animale: Il THC attenua la colite e previene lo sviluppo del cancro del colon associato alla colite
Una nuova ricerca mostra che il THC attenua il cancro del colon associato alla colite e la colite indotta da anti-CD40. Lavorando attraverso il recettore dei cannabinoidi 2, il THC ha aumentato le cosiddette cellule T regolatorie. Queste cellule sono necessarie per ridurre la concentrazione dei mediatori proinfiammatori interferone gamma e fattore di necrosi tumorale alfa. Gli autori hanno scritto che "utilizzando modelli di colite e infiammazione sistemica dimostriamo che il THC, attraverso il CB2, è un potente soppressore delle risposte immunitarie aberranti (...)".
Dipartimento di Patologia, Microbiologia e Immunologia, University of South Carolina School of Medicine, Columbia, USA
Becker W, et al. iSciene. 2020;23(9):101504

Scienza: Estratti della varietà di canapa Futura 75 sono stati efficaci contro lo sviluppo di microbi nella carne
I ricercatori presentano dati sull'effetto antimicrobico della varietà di canapa Futura 75 contro i patogeni di origine alimentare e contro le popolazioni microbiche presenti in natura sulla carne macinata durante la conservazione. Hanno scritto che "in particolare, l'estratto corrispondente a una concentrazione di CBD di 0,017 e 0,3 mg / mL era efficace contro L. monocytogenes e Staphylococcus spp. rispettivamente. Dopo 8 giorni di conservazione a 4 ° C, la carne macinata trattata ha mostrato un colore rosso brillante rispetto a una carne di controllo brunastra. "
Dipartimento di Scienze Agrarie e Alimentari, Università di Bologna, Italia.
Pasquali F, et al. Ital J Food Saf. 2020;9(2):8581.

Scienza/Umana: La terapia aggiuntiva con CBD è stata efficace in 3 pazienti con una rara forma di epilessia
Le mutazioni in SYNGAP1 sono associate a ritardo dello sviluppo, epilessia e disturbo dello spettro autistico. In 3 pazienti le crisi erano resistenti ad almeno 5 farmaci antiepilettici. Dopo l'introduzione del CBD, due pazienti hanno risposto e hanno ottenuto una riduzione delle crisi del 90% e dell'80%, rispettivamente dopo 2 mesi, il terzo ha mostrato una risposta tardiva dopo 7 mesi di trattamento con una diminuzione dell'80% della frequenza delle crisi.
Dipartimento di Neurologia Pediatrica Centro di Riferimento per le Epilessie Rare Hôpital Necker-Enfants Malades Parigi Francia.
Kuchenbuch M, et al. Epilepsia Open. 2020;5(3):496-500.

Scienza/Cellule: THC e CBD possono sopprimere la tempesta di citochine nella sepsi
In un modello di sepsi con cellule del sangue intero con livelli aumentati di citochine proinfiammatorie
(interleuchina 1 beta, interleuchina 6, fattore di necrosi tumorale alfa) l'esposizione sia al CBD che a una combinazione di estratti di CBD e THC ha ridotto significativamente la produzione di citochine in modo dose-dipendente. Gli autori hanno scritto che questi "risultati evidenziano il ruolo che i cannabinoidi naturali possono svolgere nel sopprimere l'infiammazione".
Sackler Faculty of Medicine, Tel Aviv University, Israele.
Szekely Y, et al. EUR Cytokine Netw. 2020;31(2):50-58.

Scienza/Animale: Il THC può avere effetti positivi su lesioni cerebrali traumatiche lievi ripetitive
In uno studio sui ratti, che hanno subito ripetute lesioni cerebrali lievi, i ricercatori hanno osservato una serie di effetti positivi del THC somministrato dopo queste lesioni. Gli autori hanno notato che non c'erano benefici del THC se era stato somministrato prima, quindi dovrebbe essere "somministrato dopo la lesione, ma non prima della lesione".
Hotchkiss Brain Institute, Università di Calgary, Canada.
Bhatt D, et al. Brain Commun. 2020;2(1):fcaa042.

Scienza/Umana: L'estratto di CBD ha mostrato effetti positivi in un paziente con autismo
Il caso clinico di un ragazzo di 15 anni con disturbo dello spettro autistico, ansia ed epilessia controllata ha mostrato che ha tratto profitto da un estratto di cannabis a base di CBD. Gli autori hanno notato che questo caso clinico "fornisce la prova che una dose inferiore a quella precedentemente riportata di un fitocannabinoide sotto forma di un estratto a base di cannabidiolo può essere in grado di aiutare nei sintomi comportamentali correlati al disturbo dello spettro autistico, nelle capacità di comunicazione sociale di base e nell'ansia in comorbidità , difficoltà a dormire e controllo del peso ".
Caleo Health, Calgary, Canada.
Ponton JA, et al. J Med Case Rep. 2020;14(1):162.

Scienza/Cellule: Il CBD può essere utile nella psoriasi e in altre malattie autoimmuni
Uno studio ha investigato le proprietà antiossidanti del CBD valutando gli effetti del cannabinoide sulla formazione della cosiddetta trappola extracellulare dei neutrofili (NET). I ricercatori hanno notato che il CBD ha ridotto questa formazione “principalmente nei neutrofili psoriasici, forse a causa delle sue proprietà antiossidanti. Le proprietà anti-NET del CBD suggeriscono l'effetto positivo del CBD nel trattamento delle malattie autoimmuni ".
Dipartimento di Chimica Analitica, Università di Medicina di Bialystok, Polonia.
Wójcik P, et al. Int J Mol Sci. 2020;21(18):E6795.

Scienza/Animale: Il THC è stato in grado di migliorare i sintomi della steatosi epatica non alcolica (NAFLD)
In uno studio in cui i topi sono stati nutriti con una dieta ricca di grassi "la somministrazione di cannabis contenente livelli elevati di THC può aiutare a migliorare i sintomi della NAFLD, mentre la somministrazione di estratti di cannabis ricchi di CBD può causare un effetto proinfiammatorio nel fegato, collegato a un cambiamento nel profilo del microbiota. "
L'Università Ebraica di Gerusalemme, Rehovot, Israele.
Assa-Glazer T, et al. Cannabis Cannabinoid Res. 2020;5(3):202-214.

Scienza/Cellule: Il CBD ha un potenziale valore terapeutico nel trattamento della psoriasi
La fototerapia UVB è un trattamento per la psoriasi, che aumenta le modificazioni ossidative dei fosfolipidi nella membrana cellulare della pelle. Il trattamento delle cellule della pelle psoriasica con CBD ha migliorato questo effetto del trattamento. Gli autori hanno notato che "il CBD ha un potenziale valore terapeutico nel trattamento della psoriasi".
Dipartimento di Chimica Analitica, Università di Medicina di Bialystok, Polonia.
Łuczaj W, et al. Int J Mol Sci. 2020;21(18):E6592.

Un anno fa / 2 anni fa

Un anno fa

2 anni fa

[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


up

Eventi online gratuiti 2020

Potete trovare tutte le informazioni qui.

L'IACM terrà una serie di webinar gratuiti e un incontro online gratuito per l'anniversario da ottobre a dicembre 2020.

Tutti i webinar si terranno in inglese con sottotitoli in tedesco, francese, spagnolo e portoghese. Tutti i webinar saranno disponibili online fino a marzo 2021.

L'incontro online
per celebrare il 20° anniversario dell'IACM e per onorare il 90° compleanno di Raphael Mechoulam sarà una sessione dal vivo solo il 5 novembre 2020.

I relatori della serie di webinar sono Donald I. Abrams, Bonni Goldstein, Franjo Grotenhermen, Manuel Guzmán, Raphael Mechoulam, Kirsten Müller-Vahl, Roger Pertwee, Daniele Piomelli e Ethan Russo.

Potete trovare tutte le informazioni qui.

Conferenza IACM 2021

La dodicesima conferenza IACM sui cannabinoidi in medicina si terrà a Basilea, in Svizzera, dal 14 al 16 ottobre 2021.

Members only

Regular members can sign up for the new member area of the IACM to access exclusive content.

You need to become a regular member of the IACM to access the new member area.

IACM on Twitter

Follow us on twitter @IACM_Bulletin where you can send us inquiries and receive updates on research studies and news articles.