[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


Bollettino IACM del 01 Settembre 2020

Israele: Prezzi ridotti per la cannabis medica, e il CBD non è più un narcotico

Il 26 agosto il ministro della Salute Yuli Edelstein e il suo vice Yoav Kisch hanno pubblicato regolamenti che consentiranno prezzi più bassi per la cannabis medicinale. I regolamenti dovrebbero anche semplificare il processo necessario per ricevere una prescrizione. Tre settimane fa, il Comitato Lavoro, Benessere e Salute della Knesset ha sollevato varie questioni relative alla riforma della cannabis medicinale. La commissione ha garantito che verranno intraprese una serie di misure per affrontare tali questioni.

Una delle principali modifiche legali si riferisce al CBD. Le nuove normative escludono per la prima volta i prodotti a base di CBD dall'ordinanza sui farmaci pericolosi del 1973, un passo che ridurrà drasticamente i prezzi per i pazienti che utilizzano prodotti a base di CBD. Questo passaggio consentirà anche di creare un nuovo mercato con un enorme potenziale economico, come si riscontra in molti paesi EURopei.

Jerusalem Post del 26 Agosto 2020

Scienza/Umana: Il consumo frequente di cannabis riduce il consumo di oppioidi

In uno studio prospettico tra il 2005 e il 2018 il consumo regolare di cannabis è stato associato a una maggiore probabilità di interrompere l'uso di oppioidi iniettabili del 26%. L'indagine dei ricercatori del British Columbia Center on Substance Use a Vancouver, in Canada, ha incluso oltre 2.000 persone che si iniettano droghe.

Il consumo quotidiano di cannabis è stato associato a tassi più rapidi di interruzione delle iniezioni (hazard ratio aggiustato = 1,16). Una sottoanalisi ha rivelato che questa associazione era significativa solo per l'interruzione dell'iniezione di oppioidi (hazard ratio aggiustato = 1,26). L'uso di cannabis non era associato a un aumento del rischio di ricaduta. Gli autori hanno concluso che "il consumo di cannabis almeno quotidiano era associato a un aumento del 16% del tasso di rischio di interruzione dell'iniezione, e questo effetto era limitato alla cessazione degli oppioidi per iniezione".

Reddon H, DeBeck K, Socias ME, Lake S, Dong H, Karamouzian M, Hayashi K, Kerr T, Milloy MJ. Frequent Cannabis Use and Cessation of Injection of Opioids, Vancouver, Canada, 2005-2018. Am J Public Health. 2020:e1-e8.

Scienza/Umana: L'uso di cannabis è associato a un ridotto rischio di diabete nelle persone con epatite C.

Un'analisi dei dati di 10.445 pazienti con infezione da epatite cronica C ha mostrato che l'uso di cannabis era associato a un rischio ridotto di diabete in questa popolazione. Al contrario, il sesso maschile, l'uso di tabacco, un indice di massa corporea elevato, la povertà, l'essere un migrante e la fibrosi avanzata erano associati a maggiori probabilità di diabete. Lo studio è stato condotto da diverse istituzioni francesi, tra cui l'INSERM e l'Università Sorbona di Parigi.

I pazienti con infezione da virus dell'epatite C cronica (HCV) sono ad alto rischio di sviluppare il diabete. Gli autori hanno scritto che in "questo ampio studio trasversale su pazienti con infezione da HCV cronica, l'uso di cannabis era associato a un minor rischio di diabete indipendentemente da fattori clinici e socio-comportamentali".

Barré T, Nishimwe ML, Protopopescu C, Marcellin F, Carrat F, Dorival C, Delarocque-Astagneau E, Larrey D, Bourlière M, Petrov-Sanchez V, Simony M, Pol S, Fontaine H, Carrieri P; ANRS/AFEF Hepather study group. Cannabis use is associated with a lower risk of diabetes in chronic hepatitis C-infected patients (ANRS CO22 Hepather cohort). J Viral Hepat. 2020 Aug 18. [in stampa]

Scienza/Umana: Uso di cannabis ha ridotto l'ospedalizzazione dei pazienti con anemia falciforme

I pazienti con anemia falciforme, a cui è consentito l'uso di cannabis terapeutica, hanno tassi di ammissione in ospedale inferiori rispetto a quelli che non avevano accesso legale alla cannabis. Scienziati della Divisione di Ematologia del Dipartimento di Medicina Interna dello Yale Cancer Center di New Haven, USA, hanno confrontato 29 pazienti, che hanno ottenuto cannabis e 25 pazienti, che non avevano una certificazione per l'uso di cannabis.

Nessuno dei due gruppi ha avuto cambiamenti nell'uso di oppioidi. I pazienti che sono stati certificati per la cannabis medica avevano tassi più elevati di consumo di oppioidi e di consumo illecito di cannabis rispetto a quelli che non hanno richiesto la certificazione. La maggior parte dei pazienti affetti da anemia falciforme che hanno richiesto cannabis terapeutica stavano già utilizzando cannabis illecitamente. Gli autori hanno scritto che "ottenere la marijuana medica ha ridotto i ricoveri dei p

Curtis SA, Lew D, Spodick J, Hendrickson JE, Minniti CP, Roberts JD. Medical marijuana certification for patients with sickle cell disease: a report of a single center experience. Blood Adv. 2020;4(16):3814-3821.

Notizie in breve

Scienza/Umana: la cannabis migliora il disturbo ossessivo-compulsivo in un caso clinico
I medici presentano il caso di un paziente maschio di 22 anni, che soffriva di un grave disturbo ossessivo-compulsivo sin dall'infanzia, migliorato dopo il trattamento con cannabis medicinale, con sintomi specifici e depressione notevolmente ridotti con conseguente notevole miglioramento della qualità della vita.
Clinica di Psichiatria, Psichiatria Sociale e Psicoterapia, Scuola di Medicina di Hannover, Germania.
Szejko N, et al. Front Psychiatry. 2020;11:681.

Scienza/Umana: La cannabis non ha avuto effetto sul dolore negli adulti con anemia falciforme
In uno studio controllato con placebo su 27 pazienti che soffrivano di dolore a causa dell'anemia falciforme (SCD) non c'era differenza tra la cannabis inalata e le sigarette placebo inalate per quanto riguarda le attività generali, la camminata, il sonno e il divertimento, ma c'è stato un miglioramento dell'umore. Gli autori hanno concluso che questo "studio clinico randomizzato ha rilevato che, rispetto al placebo vaporizzato, la cannabis vaporizzata non ha ridotto in modo statisticamente significativo il dolore e i sintomi associati, tranne l'interferenza nell'umore, nei pazienti con SCD con dolore cronico".
Divisione di Ematologia-Oncologia, Dipartimento di Medicina, Zuckerberg San Francisco General
Abrams DI, et al. JAMA Netw Open. 2020;3(7):e2010874.

Germania/Spagna: Cannabis spagnola approvata per l'importazione in Germania
Il BfArM, l'Istituto Federale per i Farmaci e i Prodotti Medicinali, con la supervisione del programma nazionale di cannabis, ha approvato le importazioni di cannabis medica spagnola nel paese. In effetti, tre società tedesche stanno ora finalizzando i loro documenti per consentire il completamento del trasferimento. Finora, la Germania importa solo cannabis medicinale dai Paesi Bassi e dal Canada. Si prevede che seguiranno altri paesi.
Cannabis Industry Journal del 10 Agoasto 2020

Germania: Cansavita sarà responsabile della distribuzione della cannabis prodotta in Germania
La cannabis medica coltivata in Germania sarà distribuita dalla società con sede a Francoforte Cansativa. L'azienda è stata l'unica ad aver ottenuto il contratto dall'Istituto Federale per i Farmaci e i Dispositivi Medici (BfArM) per la logistica e i servizi nella vendita all'ingrosso di fiori di cannabis da
Handelsblatt del 20 Agosto 2020

Francia: Fiori e foglie di canapa saranno messi a disposizione degli utenti
Nell'ambito della sperimentazione in Francia della cannabis a scopo terapeutico, l'Agenzia nazionale per i medicinali (ANSM) dovrebbe autorizzare, a breve, la valorizzazione del fiore e della foglia di canapa, fino ad ora vietata in Francia. Nell'ambito di una sperimentazione biennale, l'ANSM deve concedere una nuova esenzione alla valorizzazione della canapa. Dopo il seme e il gambo, il fiore e la foglia potrebbero essere autorizzati alla raccolta. I nuovi usi del fiore e della foglia, quando saranno possibili, apriranno due tipologie di attività: l'estrazione del THC e l'estrazione del CBD per la fabbricazione di cosmetici, bevande, liquidi per sigarette elettroniche.
Terra del 20 Agosto 2020

Scienza/Animale: Meccanismo d'azione del CBD su dolore e ansia
Uno studio sui ratti mostra un effetto analgesico mediato dai recettori TRPV1 e parzialmente dai recettori 5-HT1A, nonché un effetto ansiolitico mediato dai recettori 5-HT1A.
EURIDOL Graduate School of Pain, Università di Strasburgo, Francia.
Schott M, et al. Pain Rep. 2019;4(5):e774.

Scienza: Acido cannabicromenico molto efficace contro i batteri MRSA
Scienziati hanno studiato le proprietà antibiotiche di diversi cannabinoidi e hanno scoperto che “un fitocannabinoide, l'acido cannabicromenico (CBCA), ha dimostrato un'attività battericida più rapida e potente rispetto alla vancomicina, l'antibiotico attualmente raccomandato per il trattamento delle infezioni da MRSA". Tali infezioni sono spesso pericolose per la vita.
Disciplina di malattie infettive e immunologia, School of Medical Sciences, University of Sydney, Australia.
Galletta M, et al. Antibiotics (Basel). 2020;9(8):E523.

Scienza/Cellule: Gli effetti anti-cancro del CBD sono ridotti in presenza di siero di sangue
La ricerca mostra che il CBD esercita un effetto notevolmente diverso sulla vitalità di una linea cellulare di cancro al colon umano quando coltivato in presenza dello 0,5% di siero rispetto al 10% di siero, mostrando un effetto citotossico solo nella prima situazione. In presenza del 10% di siero, non è stato rilevato alcun effetto inibitorio del cannabidiolo sulla replicazione del DNA delle cellule tumorali.
GH Medical, Barcellona, Spagna.
Sainz-Cort A, et al. BMC Res Notes. 2020;13(1):389.

Scienza/Animale: Il CBD riduce le convulsioni indotte dalla febbre
In un modello animale di convulsioni indotte da febbre, il CBD ha ridotto la gravità delle convulsioni. Il cannabinoide ha ridotto significativamente l'eccitabilità delle cellule nervose nell'ippocampo, una regione del cervello. I ricercatori hanno trovato ulteriori dettagli sul meccanismo d'azione, inclusa la riduzione dell'eccitazione mediata dal recettore AMPA.
The Key Laboratory of New Drug Pharmacology and Toxicology, Hebei Medical University, Shijiazhuang, Hebei Province, Cina.
Yu Y, et al. Pharmacol Res. 2020:105128.

Scienza: Flavonoidi e cannabinoidi possono essere utili come composti antiallergici sulla superficie dell'occhio
I ricercatori suggeriscono che i flavonoidi della pianta di cannabis e i cannabinoidi siano un trattamento complementare promettente per le malattie allergiche a causa delle loro proprietà antinfiammatorie e antiallergiche.
Hackensack Meridian School of Medicine, Springfield, USA.
Bielory L, et al. Curr Opin Allergy Clin Immunol. 2020;20(5):482-492.

Un anno fa / 2 anni fa

Un anno fa

2 anni fa

[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


up

Eventi online gratuiti 2020

Potete trovare tutte le informazioni qui.

L'IACM terrà una serie di webinar gratuiti e un incontro online gratuito per l'anniversario da ottobre a novembre 2020.

Tutti i webinar si terranno in inglese con sottotitoli in tedesco, francese, spagnolo e portoghese. Tutti i webinar saranno disponibili online fino a marzo 2021.

L'incontro online
per celebrare il 20° anniversario dell'IACM e per onorare il 90° compleanno di Raphael Mechoulam sarà una sessione dal vivo solo il 5 novembre 2020.

I relatori della serie di webinar sono Donald I. Abrams, Bonni Goldstein, Franjo Grotenhermen, Manuel Guzmán, Raphael Mechoulam, Kirsten Müller-Vahl, Roger Pertwee, Daniele Piomelli e Ethan Russo.

Potete trovare tutte le informazioni qui.

Conferenza IACM 2021

La dodicesima conferenza IACM sui cannabinoidi in medicina si terrà a Basilea, in Svizzera, dal 14 al 16 ottobre 2021.

Members only

Regular members can sign up for the new member area of the IACM to access exclusive content.

You need to become a regular member of the IACM to access the new member area.

IACM on Twitter

Follow us on twitter @IACM_Bulletin where you can send us inquiries and receive updates on research studies and news articles.