[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


Bollettino IACM del 17 Agosto 2020

Thailand: I pazienti possono coltivare la propria cannabis per uso medico

Il governo thailandese ha approvato il 4 agosto degli emendamenti alla legge sui narcotici per consentire la produzione privata e la vendita di cannabis per uso medico, come riferito funzionari governativi. Con una tradizione di utilizzo del farmaco per alleviare il dolore, la Thailandia è diventata la prima nazione del sud-est asiatico a legalizzare la cannabis nel 2017 per uso medico e ricerca, ma solo al governo è stato permesso di coltivare piante.

Il vice portavoce del governo Traisuree Taisaranakul ha detto ai giornalisti dopo una riunione di gabinetto che gli emendamenti proposti consentirebbero anche a pazienti, aziende e professionisti medici di produrre, esportare, importare e vendere cannabis. "La legge promuoverà l'industria farmaceutica e aumenterà la competitività, che sarà importante per la Thailandia nel diventare un leader nella cannabis medica", ha detto ai giornalisti anche il ministro della sanità pubblica Anutin Charnvirakul.

Reuters del 4 Agosto 2020

Scienza/Umana: Il THC può essere utile nel trattamento del disturbo da stress post-traumatico

Secondo uno studio controllato con placebo con 71 partecipanti, il THC ha abbassato la reattività dell'amigdala. L'amigdala è una struttura cerebrale che svolge un ruolo importante nell'elaborazione delle risposte emotive, tra cui paura, ansia e aggressività. Lo studio è stato condotto dai ricercatori della Wayne State University di Detroit, negli Stati Uniti, e recentemente pubblicato sulla rivista Psychopharmacology. Hanno formato 3 gruppi di adulti (1) 25 controlli sani non esposti a traumi (2) 27 adulti esposti a traumi senza disturbo da stress post-traumatico (PTSD) e (3) 19 adulti esposti a traumi con PTSD. Hanno ricevuto THC o placebo e hanno completato un paradigma di elaborazione delle minacce ben consolidato durante la risonanza magnetica funzionale.

Negli adulti con PTSD, il THC ha ridotto la reattività dell'amigdala correlata alla minaccia e ha mostrato ulteriori segni funzionali di resistenza alla minaccia nell'attività cerebrale. Gli autori hanno concluso che questi "dati preliminari suggeriscono che il THC modula l'elaborazione correlata alla minaccia in individui esposti a traumi con PTSD, il che può rivelarsi vantaggioso come approccio farmacologico al trattamento della psicopatologia correlata allo stress e al trauma".

Rabinak CA, Blanchette A, Zabik NL, Peters C, Marusak HA, Iadipaolo A, Elrahal F. Cannabinoid modulation of corticolimbic activation to threat in trauma-exposed adults: a preliminary study. Psychopharmacology (Berl). 2020;237(6):1813-1826.

Scienza/Umana: L'uso di cannabis è associato a una ridotta carica virale nelle persone con HIV che fanno uso di cocaina

In un'analisi dei dati delle interviste di 119 persone che vivono con l'HIV e che usano cocaina e cannabis, l'uso di cannabis è stato associato a una ridotta carica virale. Lo studio è stato condotto da scienziati dell'Albert Einstein College of Medicine / Montefiore Medical Center di New York, USA. I partecipanti erano persone adulte che positive all'HIV e a cui erano stati prescritti antiretrovirali per almeno 16 settimane e avevano fatto uso di cocaina negli ultimi 30 giorni.

I partecipanti con soppressione della carica virale usavano la cocaina meno frequentemente rispetto a quelli senza soppressione della carica virale. L'uso della cannabis non era significativamente diverso. Rispetto al non utilizzo, il consumo quotidiano / quasi quotidiano di cannabis è stato associato a una significativa soppressione della carica virale. L'uso meno frequente di cannabis non è stato associato alla soppressione della carica virale.

Slawek DE, Arnsten J, Sohler N, Zhang C, Grossberg R, Stein M, Cunningham CO. Daily and near-daily cannabis use is associated with HIV viral load suppression in people living with HIV who use cocaine. AIDS Care. 2020:1-8.

Scienza/Umana: Il CBD è stato efficace nel trattamento dei disturbi dell'uso di cannabis

In uno studio controllato con placebo con 84 pazienti con disturbi dell'uso da cannabis, 400 mg e 800 mg di CBD sono risultati efficaci nel ridurre l'assunzione di cannabis. Lo studio è stato condotto, tra gli altri, da ricercatori dell'University College London e del King's College London, Regno Unito. I risultati sono stati pubblicati su Lancet Psychiatry. Nella prima fase dello studio è stato effettuato un trattamento di 4 settimane con tre diverse dosi di CBD orale (200 mg, 400 mg o 800 mg) o placebo e sono stati inclusi 48 pazienti. Per la seconda fase dello studio, ulteriori 34 partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a placebo o 400 mg o 800 mg, dosi ritenute efficaci nell'analisi ad interim.

Per i giorni di astinenza dalla cannabis, la probabilità di essere la dose più efficace rispetto al placebo, dati i dati osservati, era molto alta per 400 mg di CBD e 800 mg di CBD. In entrambi i gruppi la concentrazione del metabolita THC THC-COOH è diminuita significativamente nelle urine rispetto al placebo. Gli autori hanno concluso che "il cannabidiolo a dosi di 400 mg e 800 mg era sicuro e più efficace del placebo nel ridurre l'uso di cannabis".

Freeman TP, Hindocha C, Baio G, Shaban NDC, Thomas EM, Astbury D, Freeman AM, Lees R, Craft S, Morrison PD, Bloomfield MAP, O'Ryan D, Kinghorn J, Morgan CJA, Mofeez A, Curran HV. Cannabidiol for the treatment of cannabis use disorder: a phase 2a, double-blind, placebo-controlled, randomised, adaptive Bayesian trial. Lancet Psychiatry. 2020:S2215-0366(20)30290-X.

Scienza/Umana: Uso di cannabis associato a riduzione dei decessi ospedalieri a causa di insufficienza cardiaca

Scienziati del Brookdale University Hospital Medical Center di New York, USA, hanno dimostrato che i disturbi dell'uso di cannabis erano associati a una riduzione dei decessi ospedalieri nei pazienti affetti da insufficienza cardiaca congestizia (CHF). Hanno utilizzato il database Nationwide Inpatient Sample degli Stati Uniti dal 2010 al 2014 includendo 4.596.024 pazienti con CHF, di cui 23.358 sono stati diagnosticati con disturbi da uso di cannabis.

I decessi dei pazienti (1,1% contro 3,1%) erano inferiori e la durata media del ricovero era più breve tra i consumatori di cannabis rispetto ai non consumatori. L'abuso di alcol e la depressione erano più diffusi tra i consumatori di cannabis rispetto ai non consumatori. Gli autori hanno concluso che i disturbi dell'uso di cannabis erano "associati a una riduzione delle morti ospedaliere". Ma hanno anche notato che la prevalenza del disturbo da uso di cannabis era in aumento nei pazienti con insufficienza cardiaca congestizia.

Ajibawo T, Ajibawo-Aganbi U, Jean-Louis F, Patel RS. Congestive Heart Failure Hospitalizations and Cannabis Use Disorder (2010-2014): National Trends and Outcomes. Cureus. 2020;12(7):e8958.

Notizie in breve

OMS / ONU: Alcune raccomandazioni dell'OMS sulla cannabis attirano l'opposizione delle Nazioni Unite
Due delle raccomandazioni sulla cannabis dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) potrebbero incontrare un'opposizione che verrà adottata entro la fine dell'anno dalla Commissione delle Nazioni Unite sugli stupefacenti (CND). Se le due raccomandazioni discusse alla riunione della CND a giugno saranno approvate, si prevede che il commercio internazionale di alcuni preparati al CBD diventi più libero. Sono state discusse le seguenti raccomandazioni: (1) eliminare gli "estratti e le tinture" di cannabis dalla Tabella 1 della Convenzione Unica sugli stupefacenti del 1961, (2) aggiungere una nota a piè di pagina alla voce relativa alla cannabis nella Tabella 1 della Convenzione Unica del 1961 per chiarire che i preparati contenenti prevalentemente CBD e fino allo 0,2% di THC non sono sotto il controllo internazionale.
Marijuana Business Daily del 30 luglio 2020

Scienza: Sondaggio su Cannabis e cancro
I ricercatori del Cancer Research Center presso HealthPartners / Park Nicollet a Minneapolis, USA, vorrebbero comprendere meglio le opinioni dei pazienti e / o dei loro cari sull'uso della cannabis medica e di prodotti correlati alla cannabis come il cannabidiolo (CBD). Per questo motivo stanno conducendo un sondaggio per capire meglio come i pazienti usano o non usano la cannabis medica come opzione di trattamento.
Survey on cannabis in cancer

Scienza/Regno Unito: Inizierà il progetto Twenty21 per monitorare i risultati sulla salute di 20.000 pazienti affetti da cannabis
Il progetto Twenty21 è un registro che mira a monitorare i risultati sulla salute di 20.000 pazienti che utilizzano medicinali a base di cannabis, creando il più grande corpus di prove in EURopa sulla sicurezza e la loro efficacia. Drug Science spera che i risultati del Progetto Twenty21 forniscano prove per il finanziamento da parte del British Health Service, dimostrando che i benefici del trattamento con cannabis medicinale superano i potenziali rischi. Questo registro del mondo reale avrà come target le seguenti indicazioni: disturbo d'ansia, dolore cronico, sclerosi multipla, disturbo da stress post-traumatico (PTSD), disturbo da uso di sostanze (come strategia di riduzione del danno), sindrome di Tourette. Nel giugno 2020, il progetto Twenty21 il team ha avviato il beta test del percorso del paziente e ha aperto l'accesso a una clinica (Medical Cannabis Clinics) per 100 pazienti.
Drug Science del 4 Agosto 2020

Regno Unito: Primo paziente in Scozia a cui è stata prescritta legalmente la cannabis
Una giovane donna è diventata la prima persona in Scozia a ricevere la cannabis legalmente prescritta come parte di un nuovo studio EURopeo - e la paziente afferma che le permette di giocare con i suoi figli e fare la doccia dopo anni di dolore cronico. Kayleigh Compston, 26 anni, ha iniziato a fumare cannabis da adolescente, ma ha smesso - fino a quattro anni fa, quando ha iniziato ad auto-medicarsi illegalmente.
Daily Record del 28 Luglio 2020

Cipro: La cannabis medica diventerà legale
Il Parlamento ha approvato un disegno di legge per regolamentare la prescrizione, la distribuzione e la disponibilità della cannabis medica. Il disegno di legge è stato votato in legge con 42 voti a favore e sette contrari. Secondo il rapporto presentato dal comitato sanitario, i regolamenti stabiliscono gli standard per la prescrizione di cannabis medica sulla base dell'uso scientifico del farmaco. Introducendo un emendamento, il capo del partito dei Verdi Giorgos Perdikis ha detto che il ministro avrebbe un controllo eccessivo nel decidere quanta cannabis terapeutica sarà disponibile e quali specialisti potranno prescriverla.
Cyprus Mail del 1 Agosto 2020

Mondo: L'Agenzia mondiale antidoping riduce le pene per i tossicodipendenti
L'Agenzia mondiale antidoping (WADA) sta apportando alcune modifiche, per cui non emetterà sospensioni prolungate per gli atleti che risultano positivi alle droghe ricreative fuori competizione. Invece di essere banditi per due anni, gli atleti saranno ora banditi da uno a tre mesi. "Se l'atleta può stabilire che qualsiasi ingestione o utilizzo è avvenuto fuori competizione e non era correlato alla prestazione sportiva, il periodo di ineleggibilità sarà di tre mesi", afferma il nuovo codice della WADA.
BoxingScene del 6 Agosto 2020

Scienza: L'uso di cannabis durante la gravidanza potrebbe essere collegato ad un aumento dei rischi di autismo per i bambini
Utilizzando i dati su ogni nascita in Ontario, Canada, tra aprile 2007 e marzo 2012, i ricercatori dell'Università di Ottawa hanno scoperto che le donne incinte che facevano uso di cannabis avevano 1,5 volte più probabilità di avere un figlio con autismo rispetto alle donne che non lo facevano.
UPI dell' 11 Agosto 2020

USA: L'estratto di CBD ottiene l'approvazione per il trattamento di un'ulteriore forma di epilessia
La soluzione orale di cannabidiolo (Epidiolex) ha ottenuto l'approvazione per una nuova indicazione e può essere utilizzata per il trattamento di crisi epilettiche in pazienti con complesso di sclerosi tuberosa di età pari o superiore a 1 anno, ha annunciato la FDA il 31 luglio. Epidiolex è una formulazione farmaceutica di una forma di cannabidiolo (CBD) in soluzione orale altamente purificata prodotta dalla società britannica GW Pharmaceuticals.
Medpage Today del 3 Agosto 2020

Scienza/Animale: Una dieta ricca di grassi aumenta i livelli di endocannabinoidi
In uno studio con la trota iridea una dieta ricca di grassi ha aumentato i livelli di 2-arachidonoilglicerolo (2-AG) e AEA (anandamide) nel sangue e in alcune aree del cervello.
Facultade de Bioloxía e Centro de Investigación Mariña, Universidade de Vigo, Spagna.
Díaz-Rúa A, et al. Horm Behav. 2020:104825.

Scienza/Umana: L'assunzione orale di cannabis riduce l'assunzione di cannabis per inalazione
In uno studio controllato con placebo con 128 consumatori di cannabis, di cui 64 hanno ricevuto l'estratto di cannabis Sativex e 64 un placebo, condotto per studiare la possibilità di trattare le persone con dipendenza da cannabis utilizzando l'estratto di cannabis, il Sativex ha ridotto il numero di giorni senza cannabis inalata . Gli autori hanno scritto che l'effetto del trattamento "sembra persistere fino a 3 mesi dopo la cessazione del trattamento".
Servizi per la droga e l'alcol, Distretto sanitario locale di South East Sydney, Australia.
Lintzeris N, et al. Drug Alcohol Depend. 2020;215:108220

Scienza/Umana: L'uso di cannabis non è associato a un aumentato rischio di polmonite nelle persone con HIV
In uno studio con 2784 uomini con infezione da HIV e 2665 uomini non infetti da HIV seguiti dal 1984 al 2013, l'uso di cannabis settimanale o giornaliero non è stato significativamente associato ad un aumento del rischio di polmonite in entrambi i gruppi.
Dipartimento di Epidemiologia, UCLA School of Public Health, Los Angeles, USA.
Quint JJ, et al. Ann Epidemiol. 2020:S1047-2797(20)30278-7.

Scienza/Cellule: L'anandamide previene l'adesione della Candida albicans alle cellule cervicali
In uno studio con cellule epiteliali cervicali, i ricercatori hanno dimostrato che l'endocannabinoide anandamide ha impedito l'adesione del fungo Candida albicans. Hanno concluso che questo endocannabinoide ha "potenziali attività antifungine inibendo la crescita ifale e prevenendo l'aderenza ifale alle cellule epiteliali".
Facoltà di Odontoiatria, Università Ebraica di Gerusalemme, Israele.
Sionov RV, et al. Ann Epidemiol. Sci Rep. 2020;10(1):13728.

Scienza/Cellule: I cannabinoidi hanno mostrato effetti antitossici nelle cellule nervose, che possono essere utili contro la malattia di Alzheimer
In uno studio con le cellule nervose dell'ippocampo, una certa regione del cervello, diversi cannabinoidi hanno prevenuto effetti tossici contro la combinazione di ridotto apporto di ossigeno e beta peptide amiloide, che è altamente presente nel cervello dei pazienti con malattia di Alzheimer (AD). Gli autori hanno notato che "tutti gli agenti hanno testato la vitalità cellulare preservata e il potenziale di membrana mitocondriale stimolato, (...)". E hanno concluso che questo offre "nuove potenziali modalità per la progettazione di terapie per l'AD".
Facoltà di Medicina, Dipartimento di Farmacologia Medica, Università Gazi, Beşevler, Ankara, Turchia.
Elmazoglu Z, et al. Neurochem Int. 2020:104817.

Scienza/Umana: L'uso di cannabis è associato a idee e comportamenti suicidi negli adolescenti a tassi simili a quelli del tabacco e dell'alcol
Utilizzando i dati del National Youth Risk Behavior Survey statunitense, gli scienziati hanno scoperto che l'associazione tra l'uso di cannabis da parte degli adolescenti e l'ideazione e i tentativi di suicidio era simile al tabacco e all'alcol. E hanno scritto che "il consumo frequente di alcol aveva un'associazione significativamente più forte rispetto ad altre sostanze".
Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health, Baltimora, USA.
Kahn GD, et al. Arch Suicide Res. 2020:1-14.

Scienza/Umana: Nessun effetto dell'uso a lungo termine del CBD sulla cognizione nei bambini con epilessia
In uno studio su 38 bambini con epilessia di età compresa tra 3 e 19 anni, che sono stati trattati con CBD, il cannabinoide "non sembra causare effetti avversi (AE) che coinvolgono la funzione cognitiva o adattativa in un anno di trattamento".
Children of Alabama, Birmingham, USA.
Thompson MD, et al. Epilepsy Behav. 2020;111:107299.

Scienza/Animale: Meccanismo mediante il quale il THC riduce la gravità della sindrome da distress respiratorio acuto
In uno studio con i topi, gli scienziati hanno scoperto effetti protettivi del THC contro la sindrome da distress respiratorio acuto indotta da enterotossina e questo effetto è stato mediato dalla modulazione del microbiota dei polmoni.
University of South Carolina, Columbia, USA.
Mohammed A, et al. Br J Pharmacol. 2020 Aug 4. [in press]

Scienza/Cellule: Diversi meccanismi degli effetti citotossici del CBD e del THC contro le cellule tumorali del colon
L'analisi degli effetti citotossici dei cannabinoidi "ha dimostrato che solo il CBD induce lo stress ossidativo nelle cellule di carcinoma del colon-retto HT-29 tramite meccanismi indipendenti dai recettori CB". Mentre gli effetti del THC erano mediati dai recettori dei cannabinoidi.
Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche e Neuroscienze, Università di Siena, Italia.
Cerretani D, et al. Int J Mol Sci. 2020;21(15):E5533.

Scienza/Cellule: Il CBD migliora l'efficacia della chemioterapia sulle cellule tumorali dell'endometrio
I risultati di uno studio sulle cellule mostrano che la presenza del recettore vanilloide 2 (TRPV 2) aumenta la malignità del tessuto canceroso dell'endometrio. Gli autori hanno scoperto che “il CBD ha migliorato gli effetti citotossici dei farmaci chemioterapici, potenziati dalla sovraespressione di TRPV2. “
Facoltà di Farmacia, Università di Camerino, Italia.
Marinelli O, et al. Int J Mol Sci. 2020;21(15):E5409.

Scienza/Umana: Il CBD normalizza la connettività funzionale delle cellule nervose nell'epilessia
In uno studio con 22 pazienti con epilessia resistente al trattamento un estratto di CBD (Epidiolex)
ha modulato e potenzialmente normalizzato la connettività come si è visto nella risonanza magnetica nel cervello epilettico. Gli autori hanno concluso che "questo effetto può essere alla base della sua efficacia".
Nenert R, et al. Epilepsy Behav. 2020;112:107297.

Scienza/Animale: L'attivazione dei recettori CB1 in una determinata regione del cervello induce sollievo dal dolore
In uno studio con i topi, i ricercatori hanno dimostrato che l'attivazione del recettore CB1 sugli interneuroni GABAergici nella corteccia orbitale ventrolaterale, una certa regione del cervello, da parte di un cannabinoide sintetico (HU210) ha prodotto una riduzione del dolore. Prima che i ricercatori avessero indotto dolore neuropatico in questi animali. Il THC è anche noto per attivare il recettore CB1.
MOE Key Laboratory of Modern Teaching Technology, Center for Teacher Professional Ability Development, Shaanxi Normal University, Cina.
Yuwei W, et al. Neurosci Lett. 2020:135286.

Scienza/Animale: CBD e CBDA possono essere somministrati mediante applicazione dermica
In uno studio con 6 cani, che sono stati trattati con un estratto di cannabis ricco di CBD e CBDA (CBD acido) due volte al giorno, circa 10 ng / mL di CBD e 21-32 ng / mL di CBDA erano presenti nel siero del sangue dopo una settimana 1 e 2 di trattamento. Sono state trovate solo tracce di THC e THCA.
Dipartimento di Scienze Cliniche, Cornell University College of Veterinary Medicine, Ithaca, USA.
Hannon MB, et al. J Vet Pharmacol Ther. 2020 Jul 31. [in stampa]

Un anno fa / 2 anni fa

Un anno fa

2 anni fa

[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


up

Eventi online gratuiti 2020

Potete trovare tutte le informazioni qui.

L'IACM terrà una serie di webinar gratuiti e un incontro online gratuito per l'anniversario da ottobre a novembre 2020.

Tutti i webinar si terranno in inglese con sottotitoli in tedesco, francese, spagnolo e portoghese. Tutti i webinar saranno disponibili online fino a marzo 2021.

L'incontro online
per celebrare il 20° anniversario dell'IACM e per onorare il 90° compleanno di Raphael Mechoulam sarà una sessione dal vivo solo il 5 novembre 2020.

I relatori della serie di webinar sono Donald I. Abrams, Bonni Goldstein, Franjo Grotenhermen, Manuel Guzmán, Raphael Mechoulam, Kirsten Müller-Vahl, Roger Pertwee, Daniele Piomelli e Ethan Russo.

Potete trovare tutte le informazioni qui.

Conferenza IACM 2021

La dodicesima conferenza IACM sui cannabinoidi in medicina si terrà a Basilea, in Svizzera, dal 14 al 16 ottobre 2021.

Members only

Regular members can sign up for the new member area of the IACM to access exclusive content.

You need to become a regular member of the IACM to access the new member area.

IACM on Twitter

Follow us on twitter @IACM_Bulletin where you can send us inquiries and receive updates on research studies and news articles.