[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


Bollettino IACM del 23 Giugno 2020

IACM: Accesso gratuito ai webinar e altri vantaggi di un abbonamento IACM

Nell'ambito del nostro programma di rendere ancora più professionale il lavoro della IACM, abbiamo apert ora la nostra nuova pagina per I soci. L'accesso all'area membri della IACM con contenuti esclusivi è possibile solo per i membri regolari (ad esempio video dei colloqui della conferenza svoltisi durante la "Conferenza sui cannabinoidi 2019" o la nostra serie di webinar di ottobre 2020). D'ora in poi tutti i problemi relativi all'iscrizione verranno elaborati automaticamente, inclusa la conferma automatica dei pagamenti, le ricevute per la donazione in beneficenza all'inizio di ogni anno per l'anno precedente, ecc. Il resto del sito Web è in fase di ulteriore costruzione.

Ulteriori vantaggi includono riduzioni delle quote di registrazione per conferenze e altri eventi ospitati dalla IACM (ad es. per l'11a Conferenza della IACM sui cannabinoidi in medicina insieme alla nostra associazione partner messicana "Asociación Mexicana de Medicina Cannabinoidie"), accesso online illimitato a "Cannabis e Cannabinoid Research '(CCR), la rivista ufficiale della IACM e un abbonamento cartaceo scontato di CCR.

Esistono diverse categorie di membri associati. Finora, il sito è disponibile solo in inglese. Seguiranno altre lingue.

IACM membership page

IACM: Invito a fare presentazioni alla conferenza virtuale sui cannabinoidi IACM 2020

Nel 2019 la IACM ha deciso di passare dalle conferenze biennali a quelle annuali. A causa della pandemia di COVID-19, tutti gli eventi IACM 2020 avranno luogo virtualmente.

Il comitato scientifico desidera invitarvi a presentare le vostre ricerche alla Conferenza virtuale sui cannabinoidi in medicina dal 5 al 7 novembre. La conferenza 2020 è un evento congiunto dell'IACM e dell'Asociación Mexicana de Medicina Cannabinodie (AMMCann). Festeggia con noi anche il 90 ° compleanno del Professor Raphael Mechoulam dopo la sua conferenza del 5 novembre! È stato Presidente della IACM tra il 2003 e il 2005 ed è il vincitore del Premio Speciale IACM 2007.

Conference website
Call for papers

La nostra serie di webinar si svolgerà in ottobre con i discorsi di Franjo Grotenhermen, Bonni Goldstein, Raphael Mechoulam, Daniele Piomelli, Ethan Russo, Donald Abrams, Manuel Guzman, Kirsten Müller-Vahl e Roger Pertwee, che tratteranno tra l'altro argomenti aspetti pratici del trattamento con la cannabis , il sistema endocannabinoide, la cannabis e il cancro e la cannabis nei disturbi psichiatrici. La serie di webinar è gratuita per i membri regolari. Sottotitoli di alta qualità in diverse lingue, tra cui spagnolo, francese, tedesco e portoghese saranno resi disponibili dopo i webinar.
Program and sponsor brochure

Scienza/Umana: I pazienti che usano la cannabis hanno una migliore qualità della vita

I pazienti che usano la cannabis hanno una migliore qualità della vita e soddisfazione per la salute rispetto ai non consumatori. Questo è il risultato di un sondaggio con 1276 partecipanti condotto da ricercatori della Johns Hopkins University School of Medicine di Baltimora, negli Stati Uniti. Gli utilizzatori di cannabis (n = 808) sono stati confrontati con i controlli (n = 468) con modelli matematici che testavano l'effetto dell'inizio, della cessazione e del mantenimento dell'uso di cannabis medicinale. I partecipanti sono stati invitati via e-mail per completare le valutazioni di follow-up ogni 3 mesi.

L'uso di cannabis era associato a un miglioramento della salute e della qualità della vita. Gli autori hanno scritto che "i test longitudinali suggeriscono che le differenze di gruppo possono essere dovute all'uso medicinale della cannabis. Sebbene la distorsione legata alle credenze preesistenti in merito ai benefici per la salute della cannabis in questo campione debba essere presa in considerazione, questi risultati indicano che sono giustificati studi clinici che valutano l'efficacia di determinati prodotti cannabinoidi per specifiche condizioni di salute. "

Schlienz NJ, Scalsky R, Martin EL, Jackson H, Munson J, Strickland JC, Bonn-Miller MO, Loflin M, Vandrey R. A Cross-Sectional and Prospective Comparison of Medicinal Cannabis Users and Controls on Self-Reported Health. Cannabis and Cannabinoid Research. 2020 June 8 [in stampa]

Scienza/Umana: L'uso di integratori di canapa con CBD ha un effetto positivo sul colesterolo HDL

In uno studio controllato con placebo condotto su 65 uomini e donne sani in sovrappeso, che hanno utilizzato estratti di cannabis contenenti CBD o un placebo, l'estratto di canapa ha migliorato il colesterolo HDL e tendeva a migliorare lo stress. Lo studio è stato condotto dal Center for Applied Health Sciences di Stow, negli Stati Uniti. I partecipanti hanno ingerito o estratto di olio di canapa più 15 mg di canapa estratto al giorno o un placebo per 6 settimane. È stato chiesto loro di continuare la loro normale dieta e attività fisica.

Il colesterolo HDL è significativamente migliorato nel gruppo Canapa / CBD. Non sono stati osservati altri cambiamenti significativi. Tuttavia, vi era la tendenza "a supportare le misure psicometriche del sonno percepito, della risposta allo stress e del piacere della vita percepito ed è stata ben tollerata senza problemi di sicurezza clinicamente rilevanti."

Lopez HL, Cesareo KR, Raub B, Kedia AW, Sandrock JE, Kerksick CM, Ziegenfuss TN. Effects of Hemp Extract on Markers of Wellness, Stress Resilience, Recovery and Clinical Biomarkers of Safety in Overweight, But Otherwise Healthy Subjects. J Diet Suppl. 2020:1-26.

Scienza/Umana: La cannabis può controllare la pressione sanguigna dopo una lesione del midollo spinale secondo un caso clinico

I ricercatori dell'Università di Birmingham, nel Regno Unito, hanno valutato l'uso di cannabis e la stabilità della pressione sanguigna in un uomo di 41 anni con lesioni al midollo spinale. Il paziente ha usato la cannabis in modo intermittente per oltre 10 anni per autogestire la sua pressione sanguigna.

I ricercatori hanno calcolato che la stabilità della pressione sanguigna del paziente era peggiore nei giorni in cui non usava la cannabis e migliore nei giorni in cui lo faceva. Gli autori hanno concluso, "che i nostri risultati documentano che la cannabis dia una migliore stabilità della PA in questo paziente riducendo l'intensità e la frequenza degli stimoli viscerali, come dolore e spasmi, che sono noti per innescare la disreflessia autonomica".

Nightingale TE, Tejpar T, O'Connell C, Krassioukov AV. Using Cannabis to Control Blood Pressure After Spinal Cord Injury: A Case Report. Ann Intern Med. 2020 Jun 16. [in stampa]

Scienza/Umana: L'uso di cannabis può ridurre le degenze in pazienti con sindrome dell'intestino irritabile

Secondo un'analisi di un database dell'Ospedale della Contea di Cook, a Chicago, negli Stati Uniti, su tutti i pazienti con diagnosi di dimissione primaria della sindrome dell'intestino irritabile 246 consumatori di cannabis hanno avuto ricoveri ospedalieri più brevi rispetto a 9147 non utenti.

I consumatori di cannabis avevano meno probabilità di avere quanto segue: endoscopia gastrointestinale superiore (18% contro 26%) e endoscopia gastrointestinale inferiore (21% contro 29%). Inoltre, i consumatori di cannabis avevano una durata di degenza più breve (2,8 giorni contro 3,6 giorni). Gli autori concludono che l'uso di cannabis "può ridurre l'utilizzo dell'assistenza sanitaria ospedaliera nei pazienti con IBS. Questi effetti potrebbero essere dovuti all'effetto della cannabis sul sistema endocannabinoide."

Desai P, Mbachi C, Vohra I, Salazar M, Mathew M, Randhawa T, Haque Z, Wang Y, Attar B, Paintsil I. Association Between Cannabis Use and Healthcare Utilization in Patients With Irritable Bowel Syndrome: A Retrospective Cohort Study. Cureus. 2020;12(5):e8008.

Scienza/Umana: L'uso di cannabis riduce la frequenza degli attacchi di emicrania

In un gruppo di 145 pazienti con emicrania l'uso prolungato di cannabis medica ha ridotto la frequenza dell'emicrania. Lo studio è stato condotto da investigatori israeliani. I partecipanti erano pazienti con emicrania autorizzati per il trattamento medico della cannabis. I dati includevano questionari auto-compilati e le caratteristiche di trattamento della cannabis. I pazienti sono stati classificati retrospettivamente come responder rispetto ai non responder (riduzione del 50% o più attacchi mensili di emicrania rispetto a una riduzione inferiore al 50%) dopo l'inizio del trattamento con cannabis.

Rispetto ai non-responder, gli 89 responder hanno riportato una disabilità emicranica corrente più bassa e un impatto negativo inferiore e tassi più bassi di consumo di oppioidi e triptani. Gli autori hanno osservato che questi "risultati indicano che MC determina una riduzione a lungo termine della frequenza dell'emicrania in> 60% dei pazienti trattati ed è associata a una minore disabilità e ad una minore assunzione di farmaci antimicrania. “

Aviram J, Vysotski Y, Berman P, Lewitus GM, Eisenberg E, Meiri D. Migraine Frequency Decrease Following Prolonged Medical Cannabis Treatment: A Cross-Sectional Study. Brain Sci. 2020;10(6).

Scienza/Umana: Cannabis medicinale efficace per l'insonnia cronica in una sperimentazione clinica

Uno studio clinico randomizzato in doppio cieco che ha valutato l'efficacia di una formulazione di cannabis medicinale per il trattamento dell'insonnia cronica ha dimostrato che la terapia è efficace e sicura. Per lo studio, 23 partecipanti sono stati trattati con la terapia per 14 notti e, dopo un periodo di washout di 1 settimana, hanno ricevuto un placebo per 14 notti. Ogni partecipante ha assunto una singola dose (11,5 mg di cannabinoidi totali) o una doppia dose (23 mg di cannabinoidi totali) in una soluzione erogata per via sublinguale.

I partecipanti trattati con cannabis medicinale hanno iniziatoi a dormire più velocemente, hanno dormito significativamente più a lungo e sono tornati a dormire prima dopo il risveglio. I partecipanti hanno riferito miglioramenti significativi nella qualità della vita, incluso sentirsi riposati dopo il sonno, sentirsi meno stressati e meno affaticati e con un miglioramento complessivo delle capacità.

Practical Neurology del 4 giugno 2020

Notizie in breve

Paesi Bassi: Il governo è alla ricerca di coltivatori di cannabis per un progetto pilota sulla cannabis legale per adulti
I coltivatori che desiderano prendere parte all'esperimento regolamentato sulla cannabis del governo olandese possono iscriversi per candidarsi dal 1 ° luglio, ha affermato il ministero della Giustizia il 9 giugno. L'obiettivo dell'esperimento, che vedrà la licenza di un massimo di 10 coltivatori autorizzati a produrre una gamma di prodotti a base di cannabis, è quello di rimuovere l'area grigia tra I coffee-shop, che hanno il permesso di vendere cannabis, e il circuito illegale di fornitori.
Dutch News del 9 giugno 2020

Israele: La Knesset promuove riforme della legalizzazione della cannabis, inclusi miglioramenti per i pazienti
Likud e Blue and White affermano che spingeranno la legislazione "per organizzare la questione della depenalizzazione e della legalizzazione attraverso un modello responsabile", apparentemente riferendosi alla cannabis. La dichiarazione rileva che le parti hanno anche deciso di spingere le riforme alla cannabis medica al fine di facilitare ai pazienti l'accesso alle cure e ai coltivatori di ottenere una licenza per i loro campi di cannabis. I consumatori di cannabis terapeutica si sono lamentati dell'accesso quasi impossibile ai pochi dispensari autorizzati a distribuire cannabis.
Times of Israel del 9 giugno 2020

Scienza/Animale: Il THCA, cannabinoide non psichedelico, allevia l'artrite indotta da collagene
In un modello murino di artrite indotta da collagene il THCA (acido THC) ha migliorato l'infiammazione. Questo effetto è stato mediato dal recettore CB1. Gli autori hanno concluso che il THCA "modula il recettore CB1 attraverso i siti di legame ortosterico e allosterico".
Maimonides Biomedical Research Institute di Cordova, Spagna.
Palomares B, et al. Br J Pharmacol. 2020 Jun 8. [in stampa]

Scienza/Umana: Il CBD è stato efficace nel migliorare l'epilessia nei bambini
In uno studio prospettico su 50 pazienti epilettici con un'età media di 10,5 anni, l'uso aggiuntivo di CBD al trattamento standard ha migliorato significativamente la frequenza delle crisi. Complessivamente il 78% dei pazienti ha avuto una riduzione delle crisi di almeno il 25% e il 49% ha avuto una riduzione di almeno il 75%.
Dipartimento di Neurologia, Hospital de Pediatría "Prof. Dr. Juan P Garrahan", Buenos Aires, Argentina.
Caraballo R, et al. Seizure. 2020;80:75-80.

Un anno fa / 2 anni fa

Un anno fa

2 anni fa

[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


up

Eventi online gratuiti 2020

Potete trovare tutte le informazioni qui.

L'IACM terrà una serie di webinar gratuiti e un incontro online gratuito per l'anniversario da ottobre a novembre 2020.

Tutti i webinar si terranno in inglese con sottotitoli in tedesco, francese, spagnolo e portoghese. Tutti i webinar saranno disponibili online fino a marzo 2021.

L'incontro online
per celebrare il 20° anniversario dell'IACM e per onorare il 90° compleanno di Raphael Mechoulam sarà una sessione dal vivo solo il 5 novembre 2020.

I relatori della serie di webinar sono Donald I. Abrams, Bonni Goldstein, Franjo Grotenhermen, Manuel Guzmán, Raphael Mechoulam, Kirsten Müller-Vahl, Roger Pertwee, Daniele Piomelli e Ethan Russo.

Potete trovare tutte le informazioni qui.

Conferenza IACM 2021

La dodicesima conferenza IACM sui cannabinoidi in medicina si terrà a Basilea, in Svizzera, dal 14 al 16 ottobre 2021.

Members only

Regular members can sign up for the new member area of the IACM to access exclusive content.

You need to become a regular member of the IACM to access the new member area.

IACM on Twitter

Follow us on twitter @IACM_Bulletin where you can send us inquiries and receive updates on research studies and news articles.