[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


Bollettino IACM del 30 Marzo 2020

Parere: Le affermazioni sull'impossibilità per uso medico della cannabis con elevate concentrazioni di THC non sono supportate dalla scienza

Nel marzo 2020 il consiglio di amministrazione della IACM ha deciso di creare una nuova categoria nel bollettino IACM, che incoraggia a scrivere opinioni e dichiarazioni dei ricercatori sugli attuali rapporti scientifici e le dichiarazioni dei colleghi. Queste opinioni hanno lo scopo di stimolare la discussione su questioni controverse. L'opinione di oggi è del dott. Franjo Grotenhermen, direttore esecutivo della IACM, che sta conducendo una attività medica in Germania focalizzata sui trattamenti a base di cannabis. Si tratta di un'affermazione sulla potenza della cannabis per alleviare il dolore fatta dal dott. Alfonso Edgar Romero-Sandoval del Dipartimento di Anestesia, Wake Forest University School of Medicine di Winston-Salem, USA, e colleghi.

Secondo il rapporto di un'agenzia di stampa il dott. Romero-Sandoval ha dichiarato: "Sappiamo che i prodotti ad alta potenza non dovrebbero avere un posto nel regno medico a causa dell'elevato rischio di sviluppare disturbi legati all'uso della cannabis, che sono correlati all'esposizione a prodotti con contenuto elevato di THC ". Il dott. Romero-Sandoval e colleghi hanno analizzato la potenza della cannabis in 8505 campioni di cannabis da 653 dispensari legali negli Stati Uniti. Circa il 70% dei campioni per uso medicinale è stato pubblicizzato con oltre il 15% di THC. Nell'articolo di ricerca pubblicato su Plos One gli autori affermano che "i pazienti che consumano questi prodotti possono essere a rischio di intossicazione acuta o effetti collaterali a lungo termine". Romero-Sandoval ha affermato che numerosi studi hanno dimostrato che i prodotti a base di cannabis contenenti fino al 5% di THC sono sufficienti per ridurre il dolore cronico con effetti collaterali minimi.

“Nelle farmacie tedesche sono disponibili più di 30 varietà di fiori di cannabis, la maggior parte delle quali supera le concentrazioni di THC del 15% e spesso del 20%. Questo ha senso, poiché con alte concentrazioni di THC sono necessarie dosi più basse di fiori di cannabis, il che riduce i costi per i pazienti. Dovrebbero ovviamente continuare ad avere il loro posto nel trattamento moderno con medicine a base di cannabis. In un contesto medico non esiste alcuna base scientifica per l'assunto, secondo cui i prodotti con un contenuto di THC più elevato sono più pericolosi di quelli con un contenuto di THC inferiore ", ha affermato il dott. Grotenhermen. "Non ho mai visto un paziente il cui prodotto di cannabis fosse troppo potente. Si dovrebbe iniziare con dosi molto basse e poi aumentare lentamente fino alla dose tollerata e necessaria, qualunque sia il prodotto che si usa. Se si inizia con dose troppo alta anche un prodotto con il 2% di THC sarà eccessivo nei pazienti inesperti. Dovremmo avere un numero rilevante di varietà di fiori di cannabis con diversi contenuti di THC, CBD e altri componenti di cannabis nelle farmacie e nei dispensari. "


Cash MC , Cunnane K, Fan C, Romero-Sandoval EA. Mapping cannabis potency in medical and recreational programs in the United States. PLoS ONE 15(3): e0230167.

UPI del 26 Marzo 2020

Scienza/Umana: Il THC può essere utile nel disturbo da stress post-traumatico

In uno studio controllato con placebo con 71 partecipanti, composto da 3 gruppi (25 controlli sani, 27 adulti esposti a trauma senza disturbo post-traumatico da stress e 19 pazienti con disturbo post-traumatico da stress) basse dosi di THC hanno ridotto la reattività alle minacce in una certa regione del cervello, la cosiddetta amigdala. Dopo l'assunzione di placebo o THC, tutti i partecipanti sono stati sottoposti a una procedura di elaborazione delle minacce durante risonanza magnetica funzionale (fMRI). Lo studio ha coinvolto ricercatori di diversi dipartimenti della Wayne State University di Detroit, negli Stati Uniti.

Il THC ha abbassato la reattività dell'amigdala correlata alla minaccia. Gli autori hanno concluso che "questi dati preliminari suggeriscono che il THC modula l'elaborazione correlata alla minaccia in soggetti esposti a trauma con PTSD, il che può rivelarsi vantaggioso come approccio farmacologico nel trattamento della psicopatologia correlata allo stress e al trauma".

Rabinak CA, Blanchette A, Zabik NL, Peters C, Marusak HA, Iadipaolo A, Elrahal F. Cannabinoid modulation of corticolimbic activation to threat in trauma-exposed adults: a preliminary study. Psychopharmacology (Berl). 2020 Mar 11. [instampa]

Scienza/Umana: L'esercizio fisico nei pazienti con fibromialgia aumenta i livelli di anandamide e diminuisce il dolore e la depressione

In uno studio condotto su 37 donne con fibromialgia e 33 controlli sani, un programma di esercizi di 15 settimane ha comportato una riduzione del dolore e un aumento dei livelli di anandamide. Lo studio è stato condotto da scienziati del Centro di dolore e riabilitazione del Dipartimento di Scienze della salute, medicina e cura dell'Università di Linköping, Svezia.

Dopo il programma di esercizi di 15 settimane i livelli di anandamide erano significativamente aumentati nei pazienti con fibromialgia. L'intensità del dolore e la depressione sono diminuite e la forza muscolare è aumentata. Gli autori hanno scritto che "l'aumento dell'anandamide e la diminuzione della SEA [stearoiletanolamide] nelle donne con fibromialgia dopo il programma di 15 settimane potrebbero indicare un effetto cronico dell'esercizio di resistenza".

Stensson N, Gerdle B, Ernberg M, Mannerkorpi K, Kosek E, Ghafouri B. Increased Anandamide and Decreased Pain and Depression after Exercise in Fibromyalgia. Med Sci Sports Exerc. 2020 Mar 10. [in stampa]

Scienza/Umana: Cannabis, ondansetron e prometazina sono considerati i più efficaci nei trattamenti per la nausea secondo un sondaggio

Secondo un sondaggio condotto su 153 pazienti con nausea cronica gastrointestinale, la cannabis e il farmaco standard ondansetron e prometazina sono stati giudicati i più efficaci per ridurre i sintomi. Lo studio è stato condotto presso la Divisione di Gastroenterologia ed Epatologia della Stanford University School of Medicine di Redwood City, negli Stati Uniti. Ai pazienti è stato chiesto di valutare l'efficacia anti-nausea su una scala da 0 (nessuna efficacia) a 5 (molto efficace) dei 29 trattamenti anti-nausea comunemente usati.

Il punteggio medio di efficacia di tutti i trattamenti anti-nausea valutati è stato di 1,7. Dopo l'aggiustamento, tre trattamenti avevano punteggi più alti della media, tra cui cannabis (2.8), ondansetron (2.6) e prometazina (2.5). I pazienti con nausea più grave hanno risposto meglio alla cannabis e alla difenidramina e meno alla metoclopramide. Gli autori hanno scritto che quando "trattano la nausea nei pazienti con sindromi gastrointestinali croniche, i medici possono considerare di provare prima i trattamenti con prestazioni più elevate, (...)"

Marijuana, Ondansetron, and Promethazine Are Perceived as Most Effective Treatments for Zikos TA, Nguyen L, Kamal A, Fernandez-Becker N, Regalia K, Nandwani M, Sonu I, Garcia M, Okafor P, Neshatian L, Grewal D, Garcia P, Triadafilopoulos G, Clarke JO. Dig Dis Sci. 2020 Mar 17. [in stampa]

Scienza/Umana: Iil CBD riduce le reazioni infiammatorie nell'uomo

In uno studio in doppio cieco con 10 adulti sani, i ricercatori del Food and Nutrition Clinical Research Laboratory, Dipartimento di Scienza dell'alimentazione e Nutrizione umana, Colorado State University a Fort Collins, negli Stati Uniti, hanno scoperto effetti anti-infiammatori del CBD. I partecipanti hanno consumato una singola dose da 30 mg, che rientra nell'intervallo delle dosi tipiche di integratori commerciali, e i campioni di sangue sono stati raccolti per 6 ore e analizzati per le concentrazioni di CBD. Le cellule mononucleate del sangue periferico sono state raccolte al basale e dopo 90 minuti, coltivate e stimolate con lipopolisaccaride batterico per indurre una risposta infiammatoria.

La citochina proinfiammatoria TNF-alfa è stata ridotta nelle cellule del sangue stimolate raccolte 90 minuti dopo l'esposizione al CBD rispetto alle cellule raccolte al basale. Gli autori hanno scritto che questo "studio fornisce dati pilota per la progettazione e il potenziamento di studi futuri per stabilire il potenziale antinfiammatorio e la biodisponibilità di una più ampia varietà di prodotti commerciali di CBD consumati dall'uomo".


Hobbs JM, Vazquez AR, Remijan ND, Trotter RE, McMillan TV, Freedman KE, Wei Y, Woelfel KA, Arnold OR, Wolfe LM, Johnson SA, Weir TL. Evaluation of pharmacokinetics and acute anti-inflammatory potential of two oral cannabidiol preparations in healthy adults. Phytother Res. 2020 Mar 8. [in stampa]

Scienza/Umana: Il CBD può essere efficace negli spasmi epilettici refrattari

In uno studio clinico aperto con 9 pazienti con spasmi epilettici refrattari ad insorgenza infantile, il CBD si è dimostrato efficace. Lo studio è stato condotto da ricercatori statunitensi della Yale University di New Haven e del Massachusetts General Hospital di Boston. I pazienti hanno ricevuto CBD altamente purificato di origine vegetale in soluzione orale in aggiunta ai loro farmaci di base a un dosaggio iniziale di 5 mg / kg / giorno, che è stato aumentato di 5 mg / kg / giorno ogni settimana ad un dosaggio iniziale target di 25 mg / kg / die.

Complessivamente, i tassi di risposta in 9 pazienti erano circa dal 75 all'80% dopo 4 settimane di trattamento. In dettaglio sono stati il 67%, 78%, 67%, 56%, 78%, 78% e 78% dopo 2 settimane e 1, 2, 3, 6, 9 e 12 mesi di trattamento con CBD, rispettivamente. Tre pazienti su nove (33%) erano privi di spasmi epilettici dopo due mesi di trattamento. I genitori hanno riportato miglioramenti soggettivi nei domini cognitivi e comportamentali. Effetti collaterali, principalmente sonnolenza, sono stati osservati nell'89% dei pazienti.


Herlopian A, Hess EJ, Barnett J, Geffrey AL, Pollack SF, Skirvin L, Bruno P, Sourbron J, Thiele EA. 2020;106:106988.

Notizie in breve

Scienza: Cannabidiolo per le malattie virali: clamore o speranza?
Un articolo nella Gazzetta ufficiale della IACM "Cannabis and Cannabinoid Research" discute l'uso del CBD nelle malattie virali.
Centro di ricerca in farmacologia medica, Università dell'Insubria, Varese, Italia.
Tagne AM, et al. Cannabidiol for Viral Diseases: Hype or Hope? Cannabis Cannabinoid Res. 2020 Jan 15. [in stampa]

Scienza/Umana: Sostituzione del trattamento con oppiacei con cannabis in un paziente con dolore
Questo rapporto descrive un caso di una donna di 43 anni con una lesione cerebrale traumatica che ha sviluppato dolore cronico e dipendenza da oppiacei. Gli autori hanno scritto che "la cannabis terapeutica presenta rischi associati alla somministrazione ma è più sicura degli oppioidi. La nostra paziente è stata svezzata con successo dai suoi farmaci oppioidi con l'aiuto della cannabis terapeutica e il dolore è rimasto ben controllato. "
Ospedale dell'Università della Pennsylvania, Filadelfia, USA.
Caldera FE. SAGE Open Med Case Rep. 2020;8:2050313X20907015.

Austria: è iniziata la sperimentazione sull'efficacia di una medicina a base di cannabis nel trattamento della demenza
MGC Pharmaceuticals ha collaborato con l'Università di Notre Dame a Perth per iniziare un nuovo studio clinico per il suo estratto di cannabis contenente THC e CBD, chiamato "CogniCann". Lo studio coinvolgerà un totale di 50 pazienti con demenza o morbo di Alzheimerdi età supoeriore ai 65 anni in varie strutture di assistenza agli anziani in tutta Perth. L'obiettivo specifico è valutare i potenziali benefici comportamentali di CogniCann su questi pazienti.
The West Australian del 9 Marzo 2020

Paraguay: Dodici società possono ora produrre cannabis terapeutica, che i pazienti riceveranno gratuitamente
Il Paraguay ha rilasciato le sue prime licenze di cannabis terapeutica questo febbraio, segnando un grande cambiamento per il paese produttore di cannabis e sollevando domande sul suo approccio alla lotta alla coltivazione illegale. Dodici aziende farmaceutiche hanno ricevuto licenze per importare semi per la coltivazione e la vendita domestiche di prodotti a base di cannabis medicai, che i pazienti eleggibili potranno ottenere gratuitamente.
Inside Crime del 16 Marzo 2020

Scienza/Animale: L'olio di semi di canapa nell’alimentazione delle scrofe ha migliorato i profili degli acidi grassi nei loro cuccioli
L'alimentazione con olio di semi di canapa ha portato alla fornitura materna diretta di acidi grassi polinsaturi a catena lunga n-3, e i suinetti sono stati in grado di convertire questi acidi grassi ottenuti tramite l'assunzione di latte di scrofa con acidi grassi a catena più lunga.
Dipartimento di Scienze animali, Facoltà di Scienze tecniche, Università di Aarhus, Tjele, Danimarca.
Vodolazska D, et al. J Anim Sci Biotechnol. 2020 Mar 18;11:28.

Scienza/Animale: La piperina aumenta la biodisponibilità del CBD di oltre il doppio
In uno studio con ratti in movimento libero l'aggiunta di piperina ha aumentato la biodisponibilità di 2,5 volte rispetto a un gruppo di controllo senza piperina.
Istituto di ricerca sui farmaci, Scuola di Farmacia, Facultà di Medicina, The Hebrew University of Jerusalem, Israele
Izgelov D, et al. EUR J Pharm Sci. 2020 Mar 17:105313.

Scienza/Animale: Gli agonisti dei recettori dei cannabinoidi GPR55 e GPR18 hanno migliorato l'iperattività della vescica
In uno studio con ratti femmine, il cannabinoide sintetico O-1602, che attiva i nuovi recettori della cannabis GPR55 e GPR18, ha dimostrato di migliorare l'iperattività del muscolo vescicale e, secondo gli autori, “può servire come promettente sostanza nuova per la farmacoterapia di malattie della vescica."
Secondo dipartimento di ginecologia, Università medica di Lublino, Polonia.
Wróbel A, et al. Molecules 2020;25(6).

Scienza/Umana: Una variante del gene che codifica per il recettore CB1 è associata alla sindrome di Tourette
Nuovi risultati suggeriscono che una certa variante del CNR1, il gene che codifica per il recettore CB1, può essere un fattore di rischio per lo sviluppo della sindrome di Tourette.I ricercatori hanno scritto che "la variante può essere potenzialmente associata a una trasmissione anomala di endocannabinoidi", che si sospetta sia una delle cause della sindrome di Tourette.
Dipartimento di Neurologia, Università di Medicina di Varsavia, Polonia.
Szejko N(, et al. Front Genet. 2020 Mar 4;11:125.

Scienza/Cellule: Il CBD può essere protettivo in un modello del morbo di Parkinson
Nelle cellule è stato dimostrato che il cannabidiolo esercita effetti preventivi e protettivi nella malattia di Parkinson attivando un determinato percorso all'interno delle cellule.
IRCCS Centro Neurolesi "Bonino Pulejo", Messina, Italia.
Gugliandolo A, et al. Fitoterapia. 2020 Mar 14:104553.

Scienza/Umana: Il THC migliora i sintomi gastrointestinali in un paziente con una rara malattia intestinale cronica (CIPO)
I ricercatori hanno riferito di una donna di 19 anni con pseudo-ostruzione intestinale cronica (CIPO) ha risposto bene a basse dosi di THC. La CIPO è una rara causa di insufficienza intestinale pediatrica, che richiede un'alimentazione parenterale a lungo termine nella maggior parte dei casi. Nonostante una gestione ottimale, alcuni i pazienti avvertono dolore addominale cronico ed episodi ostruttivi ricorrenti con un forte impatto sulla loro qualità di vita.
Unità pediatrica di gastroenterologia-epatologia-nutrizione, ospedale Necker-Enfants-Malades, Parigi, Francia.
Zemrani B, et al. JPEN J Parenter Enteral Nutr. 2020 Mar 17. [in stampa]

Scienza/Umana: Il consumo di cannabis non è stato associato al disturbo da tossicodipendenza dopo 16 anni
In uno studio, che ha utilizzato i dati del sondaggio raccolti nel 1998-2000 con 10.345 partecipanti dai 20 ai 64 anni, seguiti per 16 anni “non vi era alcuna associazione indipendente tra consumo di cannabis e successivi disturbi da uso di droghe. L'associazione con i successivi disturbi da uso di droghe è stata piuttosto spiegata da altri usi illeciti di droghe, di cui i consumatori di cannabis erano maggiormente a rischio al follow-up di tre anni "
Karolinska Institutet, Dipartimento di Scienze della salute pubblica, Stoccolma, Svezia
Karolinska Institutet, Department of Public Health Sciences, Stockholm, Sweden.
Rabiee R, et al. Addict Behav. 2020;106:106390.

Scienza: Elevato numero di conflitti di interessi tra gli autori di articoli pubblicati sul CBD
In uno studio i ricercatori hanno scoperto che su 99 studi sul CBD sull'uomo condotti dal 2014, circa il 62% ha avuto qualche conflitto di interessi, incluso il finanziamento del settore, o un autore dello studio impiegato da un'azienda che commercializza prodotti a base di CBD.
Wellesley College, Stati Uniti.
Deary EC, et al. Ann Intern Med. 2020 Mar 17. [in stampa]

Scienza/Umana: Livelli più elevati di anandamide nel liquido seminale sono stati associati a una motilità degli spermatozoi inferiore
In uno studio condotto su 200 uomini, le concentrazioni di anandamide nel liquido seminale e le concentrazioni di oleoiletanolamide nel siero del sangue sono risultate inversamente correlate alla motilità degli spermatozoi, mentre la palmitoilethanolamide (PEA) del seme è stato positivamente collegato alla concentrazione di spermatozoi.
Servizio di chimica clinica e tossicologia, Istituto centrale di ospedali, ospedale del Vallese, Sion, Svizzera.
Zufferey F, et al. Andrology. 2020 Mar 13. [in stampa]

Scienza/Umana: L'uso di cannabis non influenza la chirurgia gastrica contro l'obesità
Secondo un'analisi di 1176 pazienti, sottoposti a un intervento chirurgico per la perdita di peso, non si sono verificati effetti negativi dell'uso di cannabis sul suo esito. Gli autori hanno concluso che l'uso di cannabis "non dovrebbe essere una controindicazione alla chirurgia bariatrica".
Università di Maryland School of Medicine, USA.
Shockcor N, et al. Surg Endosc. 2020 Mar 12. [in stampa]

Scienza/Animale: Il CBD riduce i cambiamenti in un modello murino di schizofrenia attraverso i recettori della serotonina
Secondo un modello murino, il CBD induce effetti simil-antipsicotici attivando i recettori 5-HT1A (o recettori della serotonina). Gli autori hanno scritto che le indagini "indicano che questo composto potrebbe essere un'alternativa interessante per il trattamento dei sintomi negativi e cognitivi della schizofrenia".
Dipartimento di Farmacologia, Ribeirao Preto Medical School, Università di San Paolo, Ribeirao Preto, Brasile.
da Silva NR, et al. Pharmacol Res. 2020 Mar 6:104749. [in stampa]

Scienza/Umana: I livelli di anandamide sono ridotti nel liquido cerebrale nei pazienti con narcolessia
Gli scienziati hanno studiato il sistema endocannabinoide nei pazienti con narcolessia di tipo 1 (6 pazienti) e tipo 2 (6 pazienti) rispetto ai controlli sani. Non sono state riscontrate differenze tra i livelli di anandamide nel liquido cerebrospinale nei pazienti di tipo 2 (NT2) rispetto ai controlli e tra i livelli di 2-AG in tutti i gruppi, sebbene fosse evidente una tendenza verso una riduzione dei pazienti di tipo 1 (NT1). Gli autori "ipotizzano che il sistema endocannabinoide sia disregolato in NT1".
IRCCS Neuromed, Centro di medicina del sonno, Italia.
Romigi A, et al. CNS Neurol Disord Drug Targets. 2020 Mar 9. [in stampa]

Un anno fa / 2 anni fa

Un anno fa

2 anni fa

[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


up

Eventi online gratuiti 2020

Potete trovare tutte le informazioni qui.

L'IACM terrà una serie di webinar gratuiti e un incontro online gratuito per l'anniversario da ottobre a novembre 2020.

Tutti i webinar si terranno in inglese con sottotitoli in tedesco, francese, spagnolo e portoghese. Tutti i webinar saranno disponibili online fino a marzo 2021.

L'incontro online
per celebrare il 20° anniversario dell'IACM e per onorare il 90° compleanno di Raphael Mechoulam sarà una sessione dal vivo solo il 5 novembre 2020.

I relatori della serie di webinar sono Donald I. Abrams, Bonni Goldstein, Franjo Grotenhermen, Manuel Guzmán, Raphael Mechoulam, Kirsten Müller-Vahl, Roger Pertwee, Daniele Piomelli e Ethan Russo.

Potete trovare tutte le informazioni qui.

Conferenza IACM 2021

La dodicesima conferenza IACM sui cannabinoidi in medicina si terrà a Basilea, in Svizzera, dal 14 al 16 ottobre 2021.

Members only

Regular members can sign up for the new member area of the IACM to access exclusive content.

You need to become a regular member of the IACM to access the new member area.

IACM on Twitter

Follow us on twitter @IACM_Bulletin where you can send us inquiries and receive updates on research studies and news articles.